Recensione di New Super Mario Bros. Wii

Ancora una volta Nintendo ha fatto centro, e l'ha fatto ancora una volta con Super Mario.

Devo confessare però una cosa: comprai questo gioco anni fa poco dopo la sua uscita, ma poco dopo lo vendetti. Non so perché, probabilmente perché lo trovavo un po' difficile, o semplicemente perché all'inizio non mi divertiva come speravo! Ed è probabile che la seconda ipotesi sia stata una conseguenza della prima.

Dopo anni, mi sono reso conto della cavolata che avevo fatto e me lo sono subito riprocurato usato, ed è così che finalmente ho saputo cogliere l'essenza meravigliosa del gioco!

Super Mario è forse uno dei pochi giochi in cui ci si diverte davvero: niente sparatorie sanguinose, niente competizione su chi è più forte o chi meno, niente inca******e quando si perde... Puro divertimento e basta.

Attraverso un salto nel passato, ma adeguandosi benissimo alle potenzialità del Wii, Nintendo è riuscita a sfornare un meraviglioso gioco con livelli pieni di dettagli, simpatici nemici da eliminare, colonna sonora simpaticissima e rilassante, effetti sonori strabilianti. Un gioco adatto a bambini e adulti, insomma praticamente per tutti.

Io sono principalmente un single player ma questo gioco dà il meglio di sé in multiplayer: il fatto di caricare una persona sulle spalle per aiutarla (o per lanciarla in un burrone!), prenderla con la lingua di yoshi per sputarlo fuori, collaborare per abbattere uno o più nemici, dividersi il percorso per prendere tutti gli oggetti possibili, riuscire a raggiungere monete o oggetti troppo in alto che richiederebbe salti mortali per raggiungerli (sebbene tutto è raggiungibile in single player, con un po’ di allenamento)… tutto ciò fa aumentare il divertimento.

Nintendo sorprende per l’estrema semplicità dell’interfaccia di gioco, del gameplay: a forza di giocare, si scopre pian piano che dietro ogni pixel c’è un estrema precisione della cura dei dettagli, di qualsiasi cosa si tratti: la posizione di un nemico, un potenziamento da prendere o una piattaforma, qualsiasi cosa è stata messa lì non per caso, ma per poter usufruire magari di qualche combo che si scopre man mano che si gioca, che aiutano a finire il livello più in fretta o aiutano a guadagnare vite (1up) aumentando il divertimento e la soddisfazione.

Quando si ottengono sufficienti monete stella (ce ne sono tre per ogni livello, alcune davvero difficili da trovare, altre facili da trovare ma difficili da raggiungere, perché ci sono tantissimi passaggi segreti), si può andare al castello di Peach per vedere dei filmati in cui i personaggi del gioco, probabilmente “guidati” dai programmatori Nintendo, mostrano le loro abilità nell’ottenere decine di 1up in un unico livello, o abbattono in maniere estremamente veloce ma complessa in vari nemici, sia in single che in multiplayer. Un buon motivo per allenarsi e diventare come loro!

Insomma un giocone che vale assolutamente la pena procurarsi, e che vi farà innamorare ancora di più dell’idraulico baffuto. Nonostante non siamo ai livelli di Galaxy come colonna sonora e grafica, Nintendo con questo Super Mario più “classico” vuole far capire ai giocatori che Mario in 2D è ancora più vivo che mai.

9.5