Vai al contenuto

Ci siamo trasferiti qui!
0

All'alba dei tempi (videoludici). I parte PONG!


Questa discussione ha avuto 1 risposte

#1   Non connesso   SloIta

SloIta
  • Wii U

  • 2687 Messaggi:
  • Età: 41

Inviato 03 January 2012 - 15:29

OK forse non si tratta proprio dell'alba dei tempi (videoludici), perchè di gente in giro per il mondo che aveva voglia di sperimentare come ottenere un videogioco da uno oscilloscopio ce n'era già parecchia.
Ma anche se erano passati diversi anni, posso affermare (pur non avendone ancora tantissimi) che la mia primissimissima esperienza videoludica avvenne per mezzo di... un clone di PONG. O forse era l'originale. Chi se lo ricorda.

Morale. A casa di Stefano, il mio inseparabile amico dei bei tempi andati, (ora sposato e traslocato), attaccammo quello scatolotto plastiliceo, (oddio, era più legnoso che plastiliceo) e sul Telefunken grosso e largo quanto uno stadio NFL si spalancò... una maestosa opera d'arte ricca di colori? Una variopinta rappresentazione del mondo di gioco immaginata da quei geniacci dei tempi dell'oro del gioco? No.

Una riga.

Ma una proprio, non una di più, non una di meno.

E altre due, più piccole, ai lati dello schermo, che se non era ben centrato tra l'altro manco vedevi.
Non vi dico la sorpresa nello scoprire che quelli che sembravano due microfoni, o due portagelato in cui non si capiva dove mettere il gelato... erano i due arcaici controller.
Giravi di qua, la stanghetta andava di là, giravi di là, andava di là pure la staghetta.
Premendo un pulsante sullo scatolotto legnoso partiva il gioco, con tanto di punteggio in numeri interi.
Una pallina quadrata (?) iniziava a gironzolare per il Telefunken, con una grazia e una credibilità inferiore a quella che avrebbe Rhaxs ballando la macarena. E tu dovevi colpirla con la stanghetta. Anzi no, lei colpiva te, perchè ricordate? potevi andare solo in su o giù.

Vendette qualche millemilamillissimimiliardi di copie in tutto il mondo, perchè parliamoci chiaro, Sanremo già non se lo filava nessuno, il Grande Fratello non esisteva ancora e il Telefunken serviva a molto poco. Solo che ormai era lì, 'sto benedetto TV, e con quello che pesava... chi lo spostava più! Allora tanto meglio era comprare Pong, o uno dei suoi innumerevoli cloni, e giocare.

Il mondo imparò che giocando troppe ore i gas del Telefunken rimanevano offesi (  :thinking: ) e la linea di centrocampo restava visibile, ormai impressa come un fendente di Tyson sui maroni. Lì. Per sempre. A imperitura memoria.
Per le gradite e esilaranti bestemmie dei padri, che vedevano fuorigioco ai mondiali dell'82 anche quando non c'erano, (ma come??? era oltre la linea!!).

Dove voglio arrivare?

L'Italia ha vinto i Mondiali dell'82 grazie alle linee fantasma dei Telefunken provocate da Pong.

Ma fu anche un tenero inizio, un'era in cui la gente metteva davvero la faccia e i soldi, aveva idee originali (con poche risorse hardware, eri costretto a ingegnarti ed era un'ottima cosa), e le buttava fuori.

Ricordatelo, la prossima volta che storcerete il naso davanti ad un effetto particellare mal concepito.

Se non altro non resterà impresso sul SAMSUNG, e forse è persino un peccato.

PONG
Immagine inviata
Slo

Nintendo Network ID: sloita
Codice amico 3DS: 0344-9612-5108

Skype : slollino


#2   Non connesso   pinkfloyd

pinkfloyd
  • Wii U

  • 2647 Messaggi:
  • Età: 48

Inviato 03 January 2012 - 16:55

Non avevo il gioco da casa ma mi sarebbe piaciuto averlo, guardavo la pubblicità sulle riviste  :oops:
Giocavo però a quello da bar, quello era il Pong originale, per rispondere al tuo quesito; quelli da casa erano dei cloni.

Il concetto base di Pong è stato magistralmente sfruttato da un gioco+moderno con risultati sbalorditivi, il grandissimo Arkanoid  :D
The Endless River




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi