Indiscrezioni: lo schermo di Switch è 6.2” a 720p, con multi-tocco e sensore a infrarossi

Switch touch screen

Nonostante il video di presentazione della settimana scorsa, molte caratteristiche di Nintendo Switch rimangono avvolte nel mistero. Questo, ovviamente, ha dato adito ad ancora più indiscrezioni da parte dei siti di videogiochi, ora che il vaso di Pandora è stato aperto. Tra le fonti più affidabili vi sono indubbiamente quelle di Eurogamer, che ha anticipato l’idea alla base della console mesi fa. Lo stesso Eurogamer torna ora con alcune voci di corridoio circa le caratteristiche dell’unità portatile di Switch.

Pare che lo schermo di Nintendo Switch sia di 6,2 pollici, della stessa grandezza di quello del GamePad del Wii U, e decisamente più grande di quello superiore del 3DS (3,53 pollici), del 3DS XL (4,88 pollici) e PS Vita (5 pollici). La risoluzione sarebbe di 720p, portando quindi l’alta definizione nel mondo portatile di Nintendo.

Una specifica tecnica che non è apparsa nel video riguarda le funzionalità tattili dello schermo; le fonti di Eurogamer confermano un touch screen capacitivo con multi-tocco, tecnologia ormai standard su smartphone e tablet, ma lontana dalla filosofia di Nintendo, che ha sempre adottato schermi resistivi (più precisi ma più obsoleti in quanto a possibilità offerte).

Quando inserito nell’unità fissa, lo schermo di Switch sarà completamente coperto ma non smetterà di svolgere qualche funzione. Si pensa, infatti, che lo schermo contenga anche un sensore ad infrarossi in grado di comunicare con i JoyCon (cioè i controller che si agganciano lateralmente all’unità portatile), così da replicare da un lato le funzioni del touch screen sulla TV e dall’altro permettere esperienze di gioco à la Wii (si pensi a Just Dance Wii Sports).

Pare, insomma, che Nintendo non abbia lasciato nulla al caso, crendo una console ricca di funzioni e adattabile ai gusti di ogni giocatore.