Nintendo sta lavorando alla realtà virtuale

all-hail-the-virtual-boy

Durante l’incontro con gli investitori che si è tenuto mercoledì scorso, 27 giugno, le figure chiave di Nintendo hanno risposto ad alcune domande riguardanti le strategie per il futuro della compagnia. Tra i temi più discussi, ovviamente, la nuova console, conosciuta con il nome in codice NX, e i prossimi progetti riguardanti l’approdo di Nintendo su cellulari e tablet. Nella discussione, ha trovato spazio anche la realtà virtuale, ormai una tecnologia abbordabile e con grande potenzialità nel mercato dell’elettronica di consumo; compagnie come Facebook e Sony, infatti, hanno prodotti pronti per il commercio.

Shigeru Miyamoto ha fatto alcune dichiarazioni interessanti a proposito:

Avevo sentito che la realtà virtuale sarebbe stato un tema caldo all’E3, così ho voluto provarla. L’ho provata ma non era come me l’aspettassi. Come compagnia, stiamo facendo delle ricerche sulla realtà virtuale. Le lunghe sessioni di gioco sono un problema. Vorremmo rilasciare qualcosa che possa essere utilizzato a lungo, porti un valore aggiunto, e sia abbordabile. Vogliamo che i genitori si sentano a proprio agio.

Sembra quindi che Nintendo stia attivamente sviluppando qualcosa con la realtà virtuale, cercando di risolvere uno dei problemi ad ora più rilevanti circa questo nuovo modo per fruire i videogiochi, e rimanendo ovviamente a buon mercato, come la compagnia ha sempre cercato di fare. Nintendo non è nuova a questa tecnologia, anzi: fu una delle prime compagnie di videogiochi, se non la prima in assoluto, ad esplorare la realtà virtuale con il celebre Virtual Boy, console rivelatasi un flop epocale a causa delle enormi limitazioni tecnologiche.

Fonte: NintendoLife