Indiscrezione: NX non monterà un’architettura x86 ma chip appositamente creati

x86

L’ormai arcinota Emily Rogers ha ancora qualcosa di rivelare circa la nuova console di Nintendo, sulla quale vige il più stretto riserbo, e che non verrà rivelata durante il prossimo E3. La celebre blogger ha già anticipato, prima degli annunci ufficiali, l’esistenza di Paper Mario per Wii U e l’arrivo di The Legend of Zelda anche su NX, e quindi le sue indiscrezioni, provenienti da fonti dell’industria, vengono ritenute piuttosto affidabili, anche se ovviamente la certezza non si può affermare.

La blogger afferma che NX non avrà un’architettura x86, come ad esempio PS4 e Xbox One, e che utilizzerà dei chip appositamente creati:

NX non userà un’architettura x86 come PS4 e Xbox One, ma processori speciali, appositamente creati, con un’architettura dell’hardware molto moderna. I processori sono all’avanguardia perché moderni, ma questo non significa che Nintendo punti a creare la più potente console sul mercato. In termini di potenza tecnica, diverse fonti mi hanno detto che NX è più vicina a Xbox One che a PS4 – sicuramente NX non competerà con la nuova versione di PS4 (chiamata ufficiosamente PS4 Neo / PS4K).

Cosa questo possa voler dire in termini pratici… è difficile dirlo. Non è facile, infatti, comparare console con architetture così diverse. Il progetto di Nintendo è quello di creare una linea di console che permetta una facile condivisione di giochi (invece di sviluppare un New Super Mario Bros. per console portatile ed uno per casalinga, ce ne sarebbe uno solo per entrambe le console) così da evitare periodi di magra da Nintendo; e che permetta porting facili dalle piattaforme concorrenti, così da avere il supporto delle terze parti. Per questo motivo, è importante che NX supporti i middleware come Unity, Frostbite e Unreal Engine, e da questo punto di vista ci sono già segnali incoraggianti.

Fonte: Emily Rogers