The Legend of Zelda: Twilight Princess HD: la recensione

TLOZ_TPHD_Banner

The Legend of Zelda Twilight Princess è una delle pietre miliari non solo della famosa serie di Nintendo, ma del panorama videoludico mondiale. Uscito nel 2006 a cavallo di due generazioni, sia in versione GameCube che in versione Wii, ha coinciso con il lancio del più grande successo hardware di sempre in ambito casalingo per la casa di Kyoto, recitando un ruolo senza dubbio di primo piano. Non è un mistero, infatti, che la console riuscì a mettere moltissimo fieno nella cascina delle vendite nei momenti iniziali grazie alla coesistenza sostanzialmente perfetta del pubblico più occasionale, attirato dal basso prezzo, da Wii Sport e dai sensori di movimento del telecomando, con quello degli appassionati di vecchia data, attirati soprattutto dal nuovo episodio fiammante della loro saga preferita. Un episodio che, sfruttando tali sinergie, ha fatto faville sul mercato, con più di 7 milioni di copie vendute nel mondo.

34427_midnaOggi, a dieci anni di distanza, Nintendo decide di riproporlo in chiave HD: come sapete, abbiamo avuto modo di provare il gioco, riassumendone le principali caratteristiche nel nostro articolo di anteprima. Il lavoro svolto si concentra soprattutto sulla nuova definizione delle texture, decisamente riammodernate e oggi di ottimo livello. La visualizzazione del gioco è costantemente a 1080p e 30fps, per un quadro limpido, chiaro e senza sbavature di sorta. Rispetto all’episodio originale, il confronto di alcuni scorci è quasi impietoso su schermi odierni, come ad esempio per quel che riguarda l’alone del Crepuscolo che circonda il castello di Hyrule. Rifrazioni e giochi di luce donano al tutto un look assolutamente invidiabile, complice anche la direzione artistica di altissimo livello, già presente ovviamente anche nelle versioni GC e Wii. Anche le sfumature, i giochi di luce, il sistema di illuminazione e le ombre hanno subito un restyling, contribuendo a un colpo d’occhio che, dal punto di vista della qualità visiva, impatta quasi con stupore lo spettatore.

the-legend-of-zelda-twilight-princess-hd-wii-uPer motivi che immaginiamo siano sia di budget che di integrità stilistica, il lavoro invece sulla mole poligonale e sulle animazioni è nettamente inferiore, con pochissimi aspetti originali intaccati dalla rilavorazione. Nel complesso, quindi, non siamo ovviamente davanti alla tech demo con cui il Wii U si presentò al pubblico qualche anno fa e, probabilmente, questo ha in qualche modo influenzato la percezione di quello che però resta, a tutti gli effetti, un ottimo lavoro sul versante tecnico, per un remaster HD. Un’operazione che, per altro, non lesina comunque gli interventi di miglioramento, concentrandosi anche su interfaccia e puri aspetti di gioco. La versione Wii U infatti, pur potendo essere giocata anche con il Classic Controller Pro, si avvantaggia non poco del GamePad della console: innanzitutto per la gestione rapida dell’inventario sul touch screen; in secondo luogo per la visualizzazione della mappa sul controller che risulta sia molto utile, soprattutto nei dungeon, sia intelligente poichè libera lo schermo tv da HUD invasivi. Inoltre, i sensori di movimento vengono usati per la gestione di armi da tiro, come la fionda, l’arco, il boomergan, con una visualizzazione in prima persona che, nel complesso, riduce notevolmente il rimpianto del Wiimote (per le fasi di puntamento a schermo). Senza dimenticare la possibilità di usare il secondo analogico per una gestione libera della telecamera, come su GameCube ma contrariamente alla versione Wii, che si fa apprezzare soprattutto nell’ottica del rifacimento estetico degli scenari ora in alta definizione.

Commenti Sottoscrivi i commenti
  1. Rispondi

    Dubito che molti di quelli che l’ hanno già giocato con così poche novità ahimè lo acquisteranno, me incluso. Ovviamente consigliatissimo a chi non l’ ha mai provato prima perché resta una pietra miliare


    • Rispondi

      come darti torto…mi dispiace solo per il nuovo dungeon sbloccabile con l’ammibo i cui dati che poi vi verranno registrati sopra saranno utilizzabili in Zelda U…ma tanto, non sapendo una mazza di Zelda U, anche questo aspetto passa in secondo piano :) .

      Secondo me la differenza con Wind Waker è soprattutto una…e grossissima…se si voleva giocare a wind waker o ti procuravi un game cube ed il gioco a grandi cifre…oppure compravi la nuova versione che in edizione limitata aveva anche una statuetta di Ganondorf. Qui, se a uno interessa giocare il gioco senza spendere come se fosse nuovo, può farlo prendendo a poco il titolo uscito anche per Nintendo Select per Wii che gira benissimo su WiiU.


    • Rispondi

      Concordo con tutti e due!A questo punto il gioco del mese sarà Pokkèn Tournament.


    • Rispondi

      wind waker funzionava su wii e il gioco (versione disco singolo non quella con il disco bonus) non costava tantissimo circa 30€ ma all’epoca lo si trovava anche a meno, serviva solo un pad e una memory card, che hanno all’incirca lo stesso costo del wiimote per wii.
      Non c’è grossa differenza tra TP hd e WW hd semplicemente con lo stile di ww era più facile far risaltare le migliorie dell’alta definizione rispetto a TP (rifare da capo tutti i modelli poligonali di tp avrebbe richiesto troppo tempo ed era abbastanza inutile)


  2. Rispondi

    Yay! Siamo su NeoGAF: http://www.neogaf.com/forum/showpost.php?p=197209055&postcount=1

    Cmque, rispetto a WW HD, a parte che il recensore è diverso, direi che:

    WW era più vecchio e imho più passa il tempo, più senso ha un remaster HD.
    WW ha uno stile grafico che nasconde la mole poligonale non eccelsa, al contrario di TP, motivo per cui l’impatto grafico sembrava davvero al passo coi tempi.
    WW ha un oper world più moderno, anche se magari vuoto e ripetitivo, ma cmque non spezzettato come TP HD.

    Resta che questo TP HD imho conserva un impatto visivo notevole, molte migliorie, i migliori dungeon della saga e si conferma un giocone con la G maiuscola


  3. Rispondi

    Mai giocato per GC o Wii, e quindi prenotata la Limited edition… per me inizia l’avventura! Grazie Wiitalia per la bella recensione che mi conferma la bontà dell’acquisto!


  4. Rispondi

    Una goduria in ritardo di 10 anni! :)


  5. Pingback: Uscite eShop Wii U e 3DS del 3 marzo - Wii Italia

  6. Rispondi

    Da giocare per chi non lo giocò, per gli altri….conversione inutile. L’ennesima…..


  7. Pingback: Trapelato Zelda Picross: sarà un premio del servizio My Nintendo? - 3DS Italia

Lascia un commento

Devi effettuare l'accesso per lasciare un commento.


Potrebbe interessarti anche...