*/ ?> Recensione di The Legend of Legacy (3DS) - Wii Italia
Ci siamo trasferiti qui!

The Legend of Legacy: la recensione

The-Legend-of-Legacy

The Legend of Legacy è arrivato forse un po’ in sordina su Nintendo 3DS, in un periodo ricchissimo di offerte in salsa jRPG per la console portatile della casa di Kyoto, rischiando forse di rimanere schiacciato dai più blasonati Final Fantasy Explorers (qui la recensione, per chi se la fosse persa) e Bravely Second. Ci auguriamo però che tutti gli abbiano dato una chance a questo gioco, quantomeno scaricando la demo gratuita disponibile su eShop.

legendlegacy01Il titolo è un gioco di ruolo di stampo giapponese al contempo derivativo e originale, capace di mischiare elementi mutuati da diverse fonti di ispirazione. Sul versante estetico, appare chiaro il richiamo al più famoso e blasonato Bravely Default, prodotto Square Enix di grande successo di critica e pubblico il cui seguito ufficiale è in arrivo sempre su Nintendo 3DS nei prossimi giorni e di cui potete provare una demo gratuita su eShop proprio ora. Il passaggio tra artwork di proporzioni umanoidi e la resa in-game in versione super-deformed; lo stile grafico fiabesco accentuato da fondali ed elementi grafici quasi disegnati a matita e colorati a pastello e in generale le tinte tenui quasi oniriche ricordano con forza la produzione Silicon Studio, pur senza scadere a piè pari nella copia pedissequa e mantenendo un minimo di personalità propria soprattutto nel design dei mostri, più che dei protagonisti.

The-Legend-of-Legacy_2014_09-26-14_006Anche sul versante ludico i richiami a Bravely Default sono svariati, soprattutto per quanto riguarda l’esplorazione: come nel gioco di Square Enix, infatti, l’avanzamento all’interno dei dungeon avviene con dinamiche di disvelamento progressivo della mappa di gioco, quasi a ricordare il genere dei dungeon crawler, senza però riproporne le pesanti dinamiche punitive. Gli scontri infatti non sono del tutto casuali (al contrario di Bravely Second) e risulta possibile scappare davanti a diverse sfide qualora questa fosse la nostra decisione strategica. Ciò non implica che il gioco non abbia dinamiche atte a responsabilizzarci rispetto agli scontri e ai risultati degli stessi, e qui entriamo nell’analisi dei primi (e unici, va detto) elementi di novità e originalità proposti dal titolo. Qualora incappassimo in una battaglia e decidessimo di optare per la fuga, infatti, ci ritroveremo all’inizio del dungeon, dovendo ripartire nella sua esplorazione. In aggiunta, se durante una battaglia uno dei nostri personaggi restasse ferito a “morte”, sarà possibile continuare a utilizzarlo nel corso dell’avventura (previa vittoria dello scontro in oggetto), ma con un totale di Punti Vita ridotto, fintanto che il personaggio non avrà avuto modo di tornare alla locanda per riposarsi.

LegendOfLegacy


Potrebbe interessarti anche...