*/ ?> Recensione di Pokemon Super Mystery Dungeon (3DS) - Wii Italia
Ci siamo trasferiti qui!

Pokemon Super Mystery Dungeon: la recensione

Pokemon-Super-Mystery-DungeonL’anno del ventesimo anniversario di Pokemon inizia a far vedere i suoi primi frutti, da raccogliere questa volta su Nintendo 3DS: in attesa infatti di Pokkén Tournament per Wii U e di Pokemon Go per mobile, iniziamo ad assaporare le avventure dei nostri motrini tascabili preferiti proprio sul portatile a doppio schermo della casa di Kyoto. Uscito lo scorso anno in Giappone e qualche mese fa in America, la collaborazione tra la Pokemon Company e Spike Chunsoft (esperta di meccaniche di gioco a base “dungeon crawler”) prende corpo sul nostro territorio con un leggero colpevole ritardo che pare però ben inserirsi nel contesto dei giochi di ruolo giapponesi previsti in abbondanza per 3DS in questo inaspettatamente ricco 2016. Dopo Final Fantasy Explorers, infatti, è il turno dei Pocket Monsters!

Il gioco in questione ovviamente non è un capitolo principale della serie, né per dinamiche di gioco né per tenore del progetto, ma si infila nel solco dei precedenti capitoli “Mistery Dungeon” visti all’interno del filone di spin off del brand. La scelta dello studio con cui collaborare va da sé, vista l’esperienza in termini di dungeon crawler interna a Spike Chunsoft. Il progetto infatti è chiaramente definibile proprio con quell’etichetta, di stampo forse più ostico rispetto ai normali giochi di ruolo di Pokemon usuali. Le difficoltà emergono sotto svariati aspetti: innanzitutto, le aree di pericolo che ci troveremo ad affrontare sono generate a caso in maniera ogni volta diversa, pertanto il trial&error non è una strategia applicabile, così come guide e suggerimenti non avranno sostanzialmente nessuna utilità nell’esplorazione di queste zone. In secondo luogo, la forza dei nostri avversari è nettamente superiore alla nostra e l’uso degli oggetti, compresi quelli di ritirata o uscita preventiva dal dungeon, svolgeranno un ruolo essenziale nel dipanarsi delle battaglie.

PSMD_Jun162015_07In maniera un po’ schizofrenica, questa struttura ludica un po’ di nicchia e senza dubbio impegnativa (basti pensare anche alla impossibilità di salvare la partita all’interno dei dungeon stessi se non utilizzando uno specifico strumento) è contrapposta non tanto a uno stile (mutuato direttamente dalla serie principale di Pokemon) quanto a un tenore narrativo tarato verso un target di età piuttosto basso, possibilmente più basso del solito. Come detto, non parliamo di estetica, ma piuttosto delle interazioni tra i vari mostriciattoli, esplicitamente tematizzati verso un pubblico da scuola elementare (la stessa frequentata dai Pokemon stessi protagonisti delle vicende), con dialoghi privi di mordente oscillanti tra il noioso e il patetico. Spiace utilizzare toni tanto critici, ma lascia davvero un po’ disorientati la difficoltà ludica all’interno delle aree popolate dai nemici contrapposta ai momenti di interazione col racconto che prende corpo nell’overworld.

3DS_PokemonSuperMysteryDungeon_scrn_03La cosa spiace ancor di più perchè a conti fatti i presupposti narrativi potrebbero anche risultare interessanti: nonostante la struttura a generazione automatica e casuale delle ambientazioni, infatti, l’impalcatura che prende corpo nei primi momenti di gioco, che ci metterà misteriosamente nei panni di un Pokemon scelto dal Nintendo 3DS sulla base di un questionario di profilazione caratteriale dell’utente (cioè di noi stessi), intriga. Senza voler rivelare punti di svolta narrativi particolari, sappiate solo che il gioco in questione non prevede “Allenatori” Pokemon, ma un mondo popolato e gestito interamante dai mostriciattoli stessi, allegramente alle prese con la vita quotidiana di tutti i giorni. Ciascuno interpreterà un ruolo (l’insegnante, il monello, il vicepreside…solo per restare agli inizi della storia), con tanto di dialoghi interamente parlati da parte di tutti quanti, in grado di capirsi senza problemi nonostante la diversa razza di appartenenza. In questa società di Pokemon, il nostro arrivo verrà accolto con uno stupore pari a zero e verremo subito integrati all’interno delle dinamiche stesse di questo gruppo, per poi indagare passo passo i motivi del nostro arrivo e della nostra trasformazione in animale. Un approccio che tende a coinvolgerci nel “Mistero” che in fondo dà il nome al titolo stesso del gioco, e che si dipanerà lungo il corso di svariate ore di gioco.

Commenti Sottoscrivi i commenti
  1. Pingback: Pokemon: grande successo per lo spot del Super Bowl - Wii Italia

  2. Rispondi

    [...] si appresta a festeggiare alla grande questo importante compleanno, con numerosi prodotti come Super Mystery Dungeon a breve disponibile per Nintendo 3DS, Pokkén Tournament in arrivo a marzo per Wii U e Pokemon Go, [...]


  3. Pingback: Uscite eShop Wii U e 3DS del 18 febbraio - Wii Italia

  4. Rispondi

    [...] e far combattere tutti i mostriciattoli finora noti. Se volete sapersene di più, la nostra recensione è a vostra [...]



Potrebbe interessarti anche...