Nintendo: risultati finanziari del periodo aprile – giugno 2015

Nintendo HQ

La compagnia di Kyoto ha rilasciato i risultati finanziari del primo trimestre dell’anno fiscale 2015, e cioè del periodo che andava da aprile a giugno 2015. Continua il periodo positivo, dopo la ripresa di qualche trimestre fa, che preannuncia un ritorno ai guadagni considerando tutto l’anno fiscale.

Risultati finanziari

Le vendite del trimestre ammontano a 90,2331 miliardi di yen (730 milioni di dollari), in linea con le aspettative; questo valore comprende tutte le entrate di Nintendo che riguardano la vendita di prodotti, dalle console ai giochi passando per gli amiibo ed altro genere di merchandising. Oltre le aspettative l’utile operativo e l’utile netto; se il primo riguarda il risultato “crudo” dell’azienda, il secondo è invece al netto di tasse e tassi di cambio. L’utile operativo dell’anno fiscale ammonta a 1,149 miliardi di yen (9,247 milioni di dollari), mentre l’utile netto a 8,284 miliardi di yen (66,34 milioni di dollari); i risultati sono migliori rispetto lo stesso periodo dell’anno precedente, poiché i costi sono rimasti invarianti, ed i margini sono più alti (ad esempio, il New 3DS ed il New 3DS XL costano praticamente uguale a Nintendo rispetto i modelli originali ma vengono venduti ad un prezzo più alto); le vendite, inoltre, sono cresciute, e questo ha aiutato l’intera compagnia. La cosa più evidente, comunque, è l’enorme cambio di performance rispetto al primo trimestre del 2014, dove vi erano ancora notevoli perdite e margini molto bassi.

Alla luce di questi risultati, Nintendo conferma le aspettative per l’anno fiscale 2015: 570 miliardi di yen per le vendite; 50 miliardi di yen per l’utile operativo; e 35 miliardi di yen per l’utile netto.

Vendite delle console

Brevemente, le vendite del 3DS sono in crescita mentre quelle del Wii U sono stabili rispetto lo scorso anno. Il primo è stato aiutato dal lancio del New 3DS e del New 3DS XL, che ha dato una buona spinta in Occidente ed ha permesso alla console di rimanere costante in Giappone, mentre il secondo è stato aiutato da Splatoon, lanciato a fine maggio, che ha avuto un effetto simile a quello di Mario Kart 8, lanciato nel 2014 nello stesso periodo.

Il distribuito del 3DS ammonta a circa 1 milione di console, per un totale di 53 milioni di base installata nel mondo: 19 milioni in Giappone, 18 milioni in Nord America e circa 16 milioni negli altri territori; brutte notizie per il 2DS, che ha totalizzato solamente 50.000 unità nel trimestre in considerazione – la versione economia della console non è piaciuta, o forse ha ancora del distribuito nei magazzini da smaltire. Wii U invece totalizza un distribuito di 470.000 unità per un totale di 10 milioni di console: circa 2,5 milioni in Giappone; 4,85 milioni in Nord America; e 2,68 milioni negli altri territori. Nintendo si aspetta di vendere nel corso dell’anno fiscale, 7,6 milioni di 3DS e 3,4 milioni di Wii U – una cifre piuttosto realistica.

Vendite dei giochi

La notizia maggiormente positiva riguardante le vendite dei giochi è la crescita del rapporto delle vendite sui canali digitali rispetto al totale; i ricavi dalle vendite dei giochi hanno totalizzato, infatti, 45,372 miliardi di yen (365 milioni di dollari circa), 12 miliardi dei quali dall’eShop, per un rapporto del 26,45% – durante lo scorso trimestre, il rapporto digitale / totale era “appena” del 12.56%, il che significa che in un anno Nintendo è riuscita a raddoppiare la sua presenza sui canali digitali, dove ovviamente i margini sono più alti, poiché non c’è distribuzioni fisica. Si citano anche gli ottimi risultati dei DLC di Mario Kart 8 Super Smash Bros.  a sostegno della crescita del digitale.

splatoon-digital

Il software per 3DS ha totalizzato quasi 8 milioni di pezzi, mentre quello per Wii U 4.55 milioni. Risultato eclatante per Splatoon, con 1,62 milioni già in saccoccia in appena due mesi; le vendite sono stabili nel tempo e potrebbero continuare a generare interesse fino alla stagione natalizia.

Alcuni aggiornamenti sui giochi degli scorsi mesi: Pokémon XY è a quota 14 milioni, un po’ indietro rispetto i precedenti episodi principali della serie (Diamante / Perla è quota 17,63 milioni, mentre Bianco / Nero a 15,60 milioni); Pokémon Rubino Omega / Zaffiro Alpha è a quota 10,27 milioni, in linea con gli altri remake nello stesso periodo di tempo. Super Smash Bros. for 3DS ha venduto finora 7 milioni di copie, ad un soffio dal totale di Super Smash Bros. Melee per GC, mentre quello per Wii U è a quota 3,83 milioni di copie; insieme, sono già il capitolo più venduto della serie di sempre – e continuerà a vendere per tutta la generazione. Mario Kart 8 ha invece totalizzato 5,43 milioni di copie (più del 50% dei possessori del Wii U l’ha comprato), e supererà con ogni certezza il capitolo per GBA (5,9 milioni), arrivando forse ad ambire i numeri di Double Dash (6,9 milioni).

Fonte: Nintendo e Wall Street Journal