Super Smash Bros Wii U: la recensione

Poche settimane dopo il suo splendido esordio nel mondo portatile su 3DS, arriva finalmente anche la versione per il fratello maggiore Wii U di Super Smash Bros: secondo molti la versione definitiva a prescindere, per via dei controlli e della qualità cell’immagine, il capitolo per home senza dubbio arriva ad offrire un’esperienza così completa sotto vari aspetti da avvicinarsi alla definizione di capolavoro. Scopriamo insieme quali aspetti lo elevano così tanto e quali piccolezze non gli consentono di potersi definire perfetto.

Super Smash Bros Wii U

Abbondanza: questa la parola chiave della versione Wii U del picchiaduro atipico made in Kyoto. Ma sgomberiamo subito il campo dal dubbio qualità: Smash gira a 1080p con un solido framerate di 60fps, offrendo pulizia d’immagine e fluidità di gioco notevoli e fondamentali in un titolo caotico come questo. La capacità di mantenere questo standard grafico anche nelle mischie a più giocatori conferma una volta in più l’enorme sforzo profuso nella programmazione. A seconda ovviamente della qualità della vostra connessione, questa volta (contrariamente al capitolo per Wii) anche la stabilità del netcode per le sfide online è all’altezza delle potenzialità della console, garantendo soddisfazione nella maggior parte dei casi. Il lato sonoro è altrettanto curato tanto da rasentare l’incredibile: letteralmente centinaia di splendidi accompagnamenti musicali ci vengono offerti per la nostra delizia tanto da farci sbavare pensando al doppio CD che il Club Nintendo regalerà a chi registra entrambe le versioni del titolo.

super-smash-bros-wii-u-wii-u_095super-smash-bros-wii-u-wii-u_120

Tolto il dente del versante tecnico,possiamo ora analizzare tutto il resto. E non è un lavoro semplice. Smash per Wii U si può descrivere come un’enciclopedia videoludica della casa giapponese, e non solo. Il numero dei combattenti a disposizione, sin dall’inizio nonché contando gli sfidanti da sbloccare, fa impallidire qualunque altro picchiaduro sul mercato (tranne il fratello per 3ds, con cui condivide i protagonisti); per due Ice Climbers che ci salutano, purtroppo, numerose sono le new entry, tanto che risulta pressochè impossibile immaginare qualcuno insoddisfatto del roster. Ancora più interessante poi il lavoro di programmazione profuso per dettagliare mosse, animazioni e finisher di ciascun combattente: calcolando l’ammontare di personaggi, alcune similarità passano inosservate a fronte di una varietà notevole tra le varie classi. Senza dimenticare i tre modelli di combattenti Mii introdotti per l’occasione.

super-smash-bros-wii-u-wii-u_031

Uno degli aspetti diversi tra il capitolo per home e per portatile è legato agli scenari di gioco. Ispirati a giochi comparsi tradizionalmente su console da casa, esprimono al meglio le possibilità grafiche del Wii U con moltissimi dettagli a schermo e numerosi elementi mobili. Tra nuovi e vecchi scenari, anche sotto questo punto di vista l’abbondanza la fa da padrone: sarà importante imparare a memoria i dettagli di ciascun livello almeno quanto le mosse dei combattenti per poter affrontare al meglio ogni situazione. Già, perchè Smash in fondo è tanto un picchiaduro quanto un platform e le location, per lo più dinamiche e interattive, sono una sua componente davvero cruciale per la riuscita degli scontri.

Commenti Sottoscrivi i commenti
  1. Rispondi

    Bella recensione!
    Adesso voglio vedere se “la isterica” mi rompe le palle come sempre…


  2. Rispondi

    per usare un termine tanto in voga sulla cara rivista Mega Console…. A MUST!!!!!!!!…grazie grazie come sempre del vostro lavoro ragazzi :)


  3. Rispondi

    Bella recensione. Solo una cosa, gli amiibo non sono action figures, piuttosto statuette.


    • Rispondi

      Per dimensioni potrebbero benissimo essere dei gashopon. Comunque le ho paragonate anche con quest’ultimi, nel mio caso gashopon della serie Dokaben (in italia Mr.Baseball). Siccome al 90% questi prodotti sono sempre molto curati devo dire che le amiibo, secondo me, non sfigurano nemmeno di fronte a loro. L’unica pecca, ho potuto analizzare solo quella di Marth inizialmente, forse sono i dettagli del viso dei perosnaggi umani “reali” (es. Link e Marth). Ma oltre a questo piccolo dettaglio, sempre secondo me, non sfigurano per nulla ne di fronte a dei gashopon ne di fronte alle Disney Infinity.


  4. Rispondi

    Me l’aspettavo un voto così alto!!
    Recensione bellissima per un gioco bellissimo xD


  5. Rispondi

    Lo sto adorando, ma per me mancano solo 2 cose: i tornei (sia online che offline) e il punteggio online anche per la modalità “Per Gioco” e non solo “Per la Gloria”.


  6. Rispondi

    L’unica pecca, secondo me, sta nella poca gestione degli stage personalizzati.
    Troppo pochi strumenti messi a disposizione, solo piattaforme mobilii, lava e cannoni.
    Nessuno ne parla mai, ma è un plus che può fare divertire.
    Un passo indietro rispetto alla versione precedente.


  7. Rispondi

    per essere perfetto gli manca solo una buona modalità storia… ma per il numero di contenuti, nuove modalità e nuovi personaggi, non ci si può lamentare di nulla, uno dei giochi più pieni e longevi di sempre!


  8. Pingback: Anche One Piece: Super Grand Battle! X supporterà gli amiibo | Videogiochi e Console

  9. Pingback: Rayman sarà un personaggio giocabile in Super Smash Bros. per Wii U e 3DS? [Aggiornamento: bufala] - Wii Italia

  10. Pingback: Mario Tennis Ultra Smash: succose novità in arrivo! - Wii Italia

  11. Pingback: EVO 2016: il più grande torneo di Smash Bros di sempre - Wii Italia

Lascia un commento

Devi effettuare l'accesso per lasciare un commento.


Potrebbe interessarti anche...