*/ ?> Recensione di Pokemon Rubino Omega – Zaffiro Alpha (3DS) - Wii Italia
Ci siamo trasferiti qui!

Pokemon Rubino Omega – Zaffiro Alpha: la recensione

Pokemon Rubino Omega Zaffiro Alpha

Pokemon è un’istituzione, se non addirittura una religione. Simbolo per diverse generazioni di puro intrattenimento videoludico targato Nintendo, emblema della validità dei giochi su portatile. Pochi altri marchi sono stati in grado di affermarsi con tanta forza nell’immaginario collettivo, grazie al prodotto interattivo, così come al card game piuttosto che al cartone animato. Un mondo tanto vasto da poter essere davvero considerato un universo diegetico in grado di trascendere i confini delle definizioni di target di riferimento, abbracciando ormai acquirenti ed appassionati di natura assai diversa. Ma tutti accomunati dall’amore per l’avventura in salsa Pokemon. E proprio questa riflessione deve essere stata alla base della decisione della Pokemon Company di affidare a Game Freaks il ri-lancio della generazione Rubino-Zaffiro per Nintendo 3DS a undici anni di distanza dal lancio su GBA.

Hoenn1Si perchè questo titolo parla sia ai ragazzini di oggi, complice la notorietà ancora assai popolare del franchise,
che a quelli di una volta, che magari proprio con questo episodio in versione originale si sono avvicinati, e innamorati, al mondo affascinante e ricco di sorprese dei Pokemon. Un progetto furbo, quindi, che punta tanto sulla fanbase nostalgica quanto su quella più attuale ed attiva, tanto è vero che i pre-ordini di questo remake si sono attestati nel mondo su livelli più alti di quelli del precedente titolo per Nintendo 3DS, nonostante X/Y fosse un capitolo principale inedito e, per di più, il primo gioco “main” completamente poligonale e tridimensionale. Una mossa commercialmente intelligente sena ombra di dubbio, che però pare aver lasciato qualche strascico in termini di ispirazione progettuale in fase di sviluppo. Scopriamo assieme come mai.

Pokemon Omega/Alpha ricalca le vicende dell’episodio originale, inscenando le avventure del protagonista nella regione di Hoenn, una tra le più amate della serie. Senza entrare troppo nel dettaglio per i neofiti, possiamo comunque confermare come la trama si dispieghi principalmente attorno a due team in lotta per il dominio della regione: a seconda della versione scelta, il gruppo Magma e il gruppo Idro si porranno come alleati o avversari del nostro avatar, in una lotta senza quartiere atta alla supremazia dei rispettivi Pokemon (di terra o marini) sugli altri. Il tutto accompagnato dall’onnipresente tematica del giovane Allenatore Pokemon in marcia per scorpire, catturare e allenare al meglio la propria squadra, scoprendo man mano i valori di amicizia e fiducia indispensabili alla buona riuscita di uno spirito di gruppo. Rispetto ad altri capitoli della saga, il ritmo, il tono e l’ispirazione del racconto in Rubino/Aaffiro è leggermente di livello più convincente, senza esagerare in termini di dialettica o messa in scena; la sua pur semplice costruzione riesce in qualche modo ad appassionare l’utente e ad accompagnarlo anche con motivazioni narrative lungo l’esplorazione delle aree di gioco. Il tutto resta invariato anche nel remake Omega/Alpha, seppur mitigato per gli appassionati di vecchia data dall’assenza di significative novità del plot.

1 2

All’interno del gioco, numerosi sono gli elementi di interesse: innanzitutto, le Basi segrete, dei piccoli “hub” personalizzabili, interattivi tramite Streetpass o scannerizzando gli appoisiti QR Code online, che in breve potranno diventare le vostre Palestre, dove allenare i vostri Pokemon in scontri regolati da voi con i vostri amici; accanto a questa possibilità ritroviamo anche i Contest che sostanzialmente permettono ai nostri animaletti travestiti in stile Cosplay di gareggiare per ottenere l’approvazione dei giudici in tema di stile, sbloccando anche alcune mosse speciali legate ai vari costumi a disposizione. Non dimentichiamo poi il PokeNav, espanso in maniera più significativa rispetto al passato, con la creazione di quattro funzioni principali: da un lato la funzione GPS che ci aiuta a leggere la mappa dei dintorni, rivelando numerose informazioni utili per l’esplorazione; dall’altra la possibilità di identificare i Poekmon nascosti nell’area attuale, con tanto di avviso della presenza di animali più rari cui avvicinarsi con cautela (inclinando leggermente il pad scorrevole per non allontanarli); la Pokemon TV ci fornirà servizi e informazioni sui nostri combattenti preferiti a qualsiasi ora del giorno, mentre la funziona più interessante è forse l’APP di gestione delle funzionalità online raccolte in un’unica interfaccia: con questa potremo gestire la Pokemon Bank, sfuidare avversari indipendemente dal fatto che stiano giocando a X/Y o a ORAS e via dicendo.

Hoenn

Commenti Sottoscrivi i commenti
  1. Pingback: Pokemon Rubino Omega – Zaffiro Alpha | Videogiochi e Console

  2. Pingback: Uscite eShop Wii U e 3DS dell’11 dicembre - Wii Italia

  3. Rispondi

    [...] del remake del titolo dedicato alla terza generazione dei mostriciattoli di Game Freak (qui la nostra recensione), Nintendo rilascia la versione flipper per Game Boy Advance del [...]


  4. Pingback: Disponibile la demo di Pokémon Rubino Omega / Zaffiro Alpha sull’eShop del 3DS - 3DS Italia

  5. Rispondi

    [...] del remake del gioco dedicato alla terza generazione dei mostriciattoli di Game Freak. La nostra recensione aveva sottolineato alcuni difetti, ma per dissipare i possibili dubbi, vi era la possibilità di [...]



Potrebbe interessarti anche...