Nintendo: “Tomodachi Life sta vendendo oltre le aspettative”

Tomodachi-Life

Tomodachi Life è un folle simulatore di vita con protagonista i Mii, i simpatici avatar che si possono creare a propria immagine e somiglianza, uscito su 3DS lo scorso 6 giugno. Già un successo in patria (dove è disponibile anche una versione per DS, rilasciata nel 2009), il gioco pare aver ottenuto un ottimo seguito anche in Occidente.

Reggie Fils-Aime, CEO di Nintendo of America, ha infatti dichiarato che dal lancio Tomodachi Life sta vendendo ben oltre le aspettative sul suolo nordamericano. Inoltre, il gioco si è ben posizionato nelle classifiche europee: è nella Top 20 britannica da tre settimane; ha raggiunto la quarta posizione in Francia; in Italia, Tomodachi Life ha esordito addirittura in prima posizione.

Ottime notizie quindi per Nintendo, e per gli amanti dei giochi caratterizzati dal classico stile giapponese; si spera, quindi, che questo incentivi la compagnia a localizzare tutti i suoi giochi.

Commenti Sottoscrivi i commenti
  1. Rispondi

    Tomodachi è uno shock! Un gioco del genere o lo fa Nintendo, o non lo fa nessuno!


  2. Rispondi

    La notizia migliore, e spero davvero che qualcuno sappia trarne le giuste conclusioni, è che il videogioco di stampo nipponico non è morto e sepolto, e che anche in Occidente viene visto come un alleggerimento e una boccata d’aria fresca di fronte a tutte queste macchine da guerra iper-occidentalizzate che scimmiottano vecchi canoni o propongono un certo tipo di intrattenimento.

    Prego davvero che si prenda nota di come i giapponesi dovrebbero tornare con maggiore continuità ad offrire un prodotto radicalmente diverso, non antagonista ci mancherebbe, ma carico di quella personalità ed identità caratteristiche che hanno fatto migrare molti utenti dalla generica piattaforma Pc verso le console, nei tempi che furono. Cari Giapponesi, siate Giapponesi! E riprendete a fare i giochi come soltanto voi sapete fare.


    • Rispondi

      Credo proprio che successi come Bravely Default, Fire Emblem Awakening, Ni no Kuni, Tomodachi Life, Animal Crossing, Kirby, e così via, diano una svegliata da un lato agli sviluppatori per le localizzazioni, e dall’altro a chi ormai non considera più i giochi giapponesi.


  3. Rispondi

    “in Italia, Tomodachi Life ha esordito addirittura in prima posizione”
    Sarà mica perchè è l’unico gioco di cui si è vista un po’ di pubblicità in tele? :D


  4. Rispondi

    Beh, io ce l’ho, e penso che sarebbe una mossa astuta farne un sequel (Anche per accontentare le persone che accusavano Nintendo di omofobia) su Wii U e pubblicizzarlo come per 3DS magari potrebbe aumentare le vendite della console da casa stessa! Magari facendo un bundle con il gioco per Wii U incluso… A parer mio sarebbe fantastico!


  5. Rispondi

    Dove abito io trovarlo è impossibile, praticamente la metà delle persone che possiedono un 3ds qui l’ha acquistato al lancio! A me comunque continua a non ispirare molto, però lo voglio provare, magari cambierò idea ;)


  6. Rispondi

    Era tra l’aspettato e l’inaspettato. Io personalmente avevo compreso che fosse differente da The sims, ma è una tipologia che stranamente fa la sua figura in fatto di vendite (non sempre ovviamente, non andiamo nello specifico)


  7. Pingback: Tomodachi Life, Kirby Triple Deluxe e Inazuma Eleven sul podio della classifica italiana - 3DS Italia

Lascia un commento

Devi effettuare l'accesso per lasciare un commento.


Potrebbe interessarti anche...