Yo-kai Watch: cos’è il fenomeno che impazza in Giappone

Yokai Watch per 3DS

Da qualche mese a questa parte, i ragazzini giapponesi hanno una nuova passione: catturare fantasmi con un bizzarro orologio, per poi farli combattere. Questa è la premessa di Yo-kai Watch, il nuovo fenomeno che sta invadendo il Paese del Sol Levante; negozi presi d’assalto, ascolti alle stelle, prime posizioni nelle classifiche di vendite… Ma cos’è questo Yo-kai Watch?

Yo-kai Watch nasce come videogioco per 3DS sviluppato da Level-5, gli stessi di Professor Layton ed Inazuma Eleven; uscito a luglio 2013, permette di impersonare un ragazzino (od una ragazzina) che si ritrova misteriosamente ad interagire con gli spiritelli che infestano il mondo circostante (creando litigi e facendo scherzi alle persone); il gameplay ricorda da vicino Pokémon: esplorazione di città ed altre ambientazioni; fase di cattura dei mostriciattoli; e battaglie. In realtà, è in questa componente che Yo-kai Watch si differenzia maggiormente dal gioco di Nintendo: si schierano, infatti, tre fantasmi per volta, che si possono ruotare con gli altri del team in qualsiasi momento; questi attaccheranno automaticamente, oppure secondo mosse speciali da effettuare con combinazioni di comandi sul touch screen. C’è un altro elemento che differenzia Yo-kai Watch da Pokémon: il suo umorismo, chiave del successo del brand; i dialoghi ed i personaggi, infatti, ricordano più storie come Keroro o Crayon Shin-Chan. Un altro elemento che è piaciuto sin da subito ai videogiocatori è il teatro delle vicende: una tipica cittadella giapponese, incastonata tra mare e campagna. Ovviamente, il fattore del collezionismo dei fantasmi (tutti bene o male ispirati alla tradizione nipponica) ha avuto il suo peso; come in Pokémon, i ragazzini fanno a gara a chi cattura più creature.

Di seguito un trailer che mostra il gameplay:

Il videogioco esordì bene, ma non benissimo, in classifica: 50.000 copie venduta nella prima settimana; vendite costanti, ma appena discrete, fino a Natale, quando si è ritrovato con oltre 200.000 copie accumulate: non male per una nuova IP. Il meglio, però, doveva ancora arrivare: a fine dicembre, Shogakukan cominciò la pubblicazione di un manga ispirato al videogioco, mentre a gennaio TX Network iniziò a trasmettere l’anime; nel frattempo, i negozi venivano invasi da ogni tipo di merchandising, dai peluche alle statuine e, soprattutto, all’orologio con le medaglie che replicava quello del videogioco e del cartone animato.

Yokai Watch manga

Da inizio anno è stato quindi un crescendo di popolarità senza precedenti: l’anime iniziò a registrare ottimi ascolti, rivaleggiando con avversarsi del calibro di Pokémon e Detective Conan; il manga piano piano si fece largo nella classifica dei più venduti; ed il videogioco continuò ad aumentare le sue vendite, tanto da arrivare a vendere dalle 25.000 alle 40.000 unità a settimana; durante la Golden Week, il gioco si è posizionato alla numero uno (a ben nove mesi dal lancio!) della classifica, vendendo oltre 70.000 copie. Level-5 ha da poco annunciato di aver distribuito nei negozi ben 1 milione di copie, e che finalmente era riuscita a soddisfare la sempre crescente domanda; Yo-kai Watch sta per diventare il gioco più venduto della compagnia, essendo in procinto di superare Inazuma Eleven 2, con il suo milione e 200.000 copie.

Non da meno sono i giocattoli, prodotti da Bandai sotto licenza; tra i più acquistati vi è l’orologio che riproduce quello di Keita, il protagonista della serie, e dentro il quale si inseriscono medaglie (da collezionare) per attivare i versi dei fantasmi.

Orologio

Per capire la popolarità di questi aggeggi, l’articolo scritto da Brian Ashcraft fornisce un’idea precisa; il giornalista di Kotaku ha trascorso una mattinata in giro per i negozi giapponesi; in molti di essi, le medaglie erano completamente esaurite, mentre in altri c’erano le file per aspettare il proprio turno e mettere le mani sull’agognato giocattolo. Un nuovo pack di medaglie è stato rilasciato questo weekend e scene simili si sono verificate in giro per il Paese; un negozio ha addirittura riportato ben 800 persone in fila prima dell’apertura!

11Conscia di questa popolarità, Level-5 si è messa subito al lavoro per produrre un seguito, che uscirà sempre su 3DS il prossimo 10 luglio. Due le versioni (che si possono tradurre come Testa e Croce, riferito al lato delle monete), ognuna contenente una medaglia speciale nella prima tiratura; i preordini sono già alle stelle e molti negozianti stanno offrendo una promozione per incentivare l’acquisto sia del primo che del secondo: comprando Yo-kai Watch, si ottiene uno sconto sul seguito.

Level-5 è riuscita ancora una volta a creare un brand popolarissimo, alla stregua di Inazuma Eleven. La probabilità che il gioco venga localizzato è molto alta, visto che la stessa compagnia comunicò via Twitter l’interesse per una versione occidentale, e registrò il marchio Yo-kai Watch in Nord America; di recente, alcuni distributori americani hanno acquistato i diritti per la trasmissione dell’anime, per cui un annuncio ufficiale per il videogioco non dovrebbe tardare. Magari, anche questa volta, Nintendo metterà lo zampino, traducendo il gioco e portandolo nei negozi europei e nordamericani, come avvenuto per gli altri titoli di Level-5. In questo caso, il fenomeno Yo-kai Watch potrebbe attecchire anche al di fuori dei confini nazionali.

Yokai Watch 2 cover

Ma quali sono le ragioni di questo successo? In primis, Level-5 ha scelto la console più adatta: il 3DS è popolarissimo tra i ragazzini, grazie a giochi come Pokémon e Dragon Quest Monsters, e Yo-kai Watch si inserisce bene in questo filone non troppo battuto attualmente (a differenza di fine anni Novanta). Inoltre, sia il gioco che l’anime sono di qualità, e fanno leva su personaggi riconoscibili e perfetti da riprodurre nel merchandising. L’aspetto del collezionismo completa il tutto: ai ragazzini (e non solo) piace collezionare cose, scambiarsele, cercarle ed ambire le più rare. Anche la canzone ufficiale del gioco, con tanto di balletto, è tra gli elementi che hanno reso popolare il franchise di Level-5: oltre 6 milioni di visite su Youtube ed un vero e proprio tormentone in Giappone.