Nintendo si espanderà nei mercati emergenti e nel business dei prodotti della salute e dell’apprendimento

Oltre a voler continuare a proporre console e giochi dedicati ai videogiocatori tradizionali, Nintendo sta pensando a nuove opportunità per la compagnia, considerando i cambiamenti del settore, e la possibilità di trovarsi alle strette senza via d’uscita (a differenza di Sony e Microsoft, che hanno altre attività).

Tra le priorità di Nintendo vi è l’espansione nei mercati emergenti, che spesso si sono rivelati ancora di salvezza per le compagnie di videogiochi; si pensa a Sony ed al successo di PS2 nei paesi del Sud America. Recentemente, ad esempio, la Cina ha deciso di aprire le proprie frontiere ai videogiochi, offrendo così un bacino di potenziali videogiocatori immensi. La chiave per questa strategia sarà ovviamente il 2DS, attualmente la console più economica di Nintendo (sia come prezzo di vendite che come costo di produzione), e con la line-up più fornita.

Ma non è finita qui. Visto il successo di prodotti come Wii Fit e Brain Training, Nintendo sta pensando di proporre prodotti elettronici dedicati alla salute ed all’apprendimento. Qui l’obiettivo è di migliorare la qualità della vita attraverso il videogioco. Questo ovviamente non significa che Nintendo abbandonerà lo sviluppo di giochi tradizionali, ma che cercherà di approcciare nuovi e vecchi videogiocatori con software ed hardware che trascendono il media ludico stesso.

1