Iwata ribadisce che non sono in programma giochi Nintendo per smartphone

Il 2013 non passerà alla storia della compagnia nipponica tra gli anni più floridi per l’azienda, per usare un eufemismo. Le previsioni poco incoraggianti di qualche giorno fa hanno spinto Iwata a rilasciare alcune dichiarazioni in cui afferma che Nintendo necessita un cambiamento di rotta, non trascurando i sempre più diffusi smart devices. Questa apertura è stata interpretata da molti come un chiaro segnale delle intenzioni future dei dirigenti, ovvero il rilascio di giochi targati Nintendo anche su smartphone e tablet.

Satoru Iwata iPad

Tuttavia, il presidente della società giapponese non ha mai asserito che questo sia il progetto intrapreso o da intraprendere, anzi. Difatti, il The Wall Street Journal riporta che l’atteggiamento in quel di Kyoto è ben diverso.

“La diffusione degli smart devices non sancisce la fine delle console da gioco. Non è così semplice” ha detto il presidente Satoru Iwata in una conferenza di venerdì. La chiave sta nel trovare un modo per sfruttare gli smartphone per far conoscere i giochi Nintendo ed incoraggiare a provare le versioni per console dei giochi, afferma Iwata.

“Non significa che dovremmo mettere Mario su smartphone.

Nel frattempo, vale la pena notare come Nintendo stia aumentando il budget per il settore Ricerca e Sviluppo, e che Iwata promette di sorpendere i videogiocatori in futuro. Sebbene ci siano parecchi interrogativi, Nintendo non ha ancora detto game over alle console.