*/ ?> Recensione di Wii Party U (Wii U) - Wii Italia
Ci siamo trasferiti qui!

Wii Party U: la recensione

Nonostante l’annuncio di Wii Fit U, addirittura precedente al rilascio della console stessa, e di Wii Sport Club, ultima sorpresa in casa Nintendo in ambito digitale, il primo vero erede dell’ondata di titoli “Wii – qualcosa” su Wii U finisce per essere Wii Party U. Simbolo per eccellenza della natura giocosa, arcade e da salotto della precedente offerta di Nintendo, il titolo si propose nel 2010 come uno svecchiamento (estetico ma anche ludico) del più iconico e blasonato Mario Party (da sempre uno dei pilastri della lineup della casa di Kyoto), riuscendo a convincere gli appassionati di giochi da compagnia interattivi grazie al suo carico di freschezza e divertimento.

Wii Party U

Ora ecco arrivare il seguito: venduto (in negozio: probabilmente non sarà presente almeno al lancio sull’eshop!) in bundle con un Wiimote Plus, proprio per spingere la sua fruibilità estremamente basata sia su tale periferica che sulla presenza di almeno due giocatori, con in regalo anche un piccolo stand su cui poggiare il GamePad durante alcune fasi di gioco, Wii Party U offre senza dubbio un buon rapporto tra contenuto e prezzo (che si aggira attorno a quello di un normale gioco per Wii U).

All’interno del gioco troveremo più di 80 minigiochi, divisi per tipologia di approccio, interfaccia e natura. Le modalità di gioco principali infatti si dussidivono in giochi di Gruppo, gioco da Casa e sfide da Tavolo. Ciascuna di queste macro modalità poi si dividono a loro volta al loro interno in ulteriori opzioni di gioco. L’ammontare complessivo di intrattenimenti e di struttura degli stessi è davvero ampio e stratificato, quasi labirintico per opzioni e possibilità. Anche per questo esiste un riquadro, all’interno del menù principale, di suggerimenti: tramite questo filtro sarà possibile identificare una selezione di minigiochi adatti al numero di giocatori, ai controller disponibili, alla voglia di partecipare attivamente e fisicamente al party piuttosto che al desiderio di un “semplice” gioco in scatola (televisivo, ovviamente).

wii-u-party-wii-u_008wii-u-party-wii-u_003

Per entrare maggiormente nel dettaglio, possiamo dire che le modalità di gioco in TV sono quelle che più di ogni altra si avvicinano alla percezione standard di un Mario Party, ma aggiungendo maggior varietà; attraverso cinque diversi tabelloni, infatti, potremo partecipare a partite nelle quali di base si alternano fasi di lancio dei dadi con momenti di minigioco tramite cui guadagnare punti sul percorso. A differenza però del passato, ciascuna modalità presenta strutture di obiettivo diverse: da un lato l’Isola GamePad, a tabellone classico, ritorna con le sue regole di sempre; dall’altro potremo affrontarele Corsie Veloci, lungo cui guadagnare a ogni minigioco vinto un dado da lanciare, così da aumentare le possibilità di muoverci lungo il percorso e arrivare primi al traguardo; o ancora potremo sbizzarrirci nel gioco Alchimia a Squadre, dividendoci in gruppi in lotta tramite minigiochi all’ultimo respiro cercando di contribuire alla vittoria finale del nostro team; o ancora potremo sfilare nei viali della moda nel Carnevale Mii alla ricerca degli abiti giusti per ciascuna occasione o scegliere di metterci in gioco con Sbilancia Biglie dove la fortuna la fa da padrone per riuscire a vincere i premi migliori al termine di ogni mini sfida.

Diverso invece l’approccio della Modalità Giochi in casa: in questo ambito dovremo fisicamente metterci in gioco, sfruttando la prossemica e il coinvoglimento degli spazi del nostro appartamento: tra una sorta di Just Dance in miniatura, pazze fotografie scattate tramite il GamePad, una sorta di nascondino al contrario, carichi di acqua da trasportare, ordinazioni da memorizzare e tanto altro ancora, saremo letteralmente trascinati al centro dell’azione in modi originali e bizzarri come raramente si è visto nel mondo dei videogiochi. Il tutto sempre in compagnia.

Ulteriormente differente la modalità Sfide da Tavolo dove l’Off-Tv la fa da padrone. Attraverso 7 diversi giochi potremo sfidare (o in alcuni casi collaborare) con un altro amico giocando entrambi direttamente sullo schermo del controller del Wii U: una sorta di Calcetto balilla, piuttosto che un piccolo campo di Baseball sapranno offrire divertimento sportivo mordi e fuggi, mentre con Forza Mii o Memoria Bestiale piuttosto che Puzzle a Spinta saremo stimolati più che altro a livello cerebrale in piccoli giochi a enigmi. Il tutto senza dimenticare la bellissima Gincana, dove saremo spronati a terminare i percorsi a ostacoli nel più breve tempo possibile, sempre tenendo d’occhio l’azione sul GamePad.

Commenti Sottoscrivi i commenti
  1. Pingback: Wii Party U | Videogiochi e Console

  2. Rispondi

    [...] Wii Italia » Recensioni [...]


  3. Pingback: Recensione di Wii Fit U (Wii U) - Wii U Italia

  4. Rispondi

    [...] dopo Wii Party U venduto almeno inizialmente solo in bundle con un Wiimote plus in regalo (e capace così di offrire [...]


  5. Pingback: Wii Fit U | Videogiochi e Console

  6. Rispondi

    [...] dopo Wii Party U venduto almeno inizialmente solo in bundle con un Wiimote plus in regalo (e capace così di offrire [...]



Potrebbe interessarti anche...