Fire Emblem: Awakening registra il migliore debutto per la serie in Nord America

Nell’attesa dell’arrivo in Europa (previsto per il prossimo 19 aprile, insieme ad un bundle con il 3DS XL), Fire Emblem: Awakening debutta in Nord America, e lo fa registrando cifre record per la serie di appartenenza (e per il genere, certamente non tra i più popolari in Occidente). Nintendo ha dichiarato che il gioco di Intelligent Systems, uscito lo scorso 4 febbraio, ha venduto ben 180.000 copie nel corso del primo mese: 117.000 in copia fisica e ben 63.000 download dall’eShop; tra questi, 22.000 bundle con la console. La sensazione è che Fire Emblem: Awakening avrebbe potuto vendere molto di più: la distribuzione sul territorio ha infatti lasciato un po’ a desiderare, tant’è che il gioco è tuttora introvabile, e nei negozi online viene quotato ad un prezzo ben superiore a quello di mercato.

Fire Emblem: Awakening riesce comunque a vendere meglio di ogni altro capitolo precedente della serie al debutto. Il primo Fire Emblem per GBA aprì con 75.748 copie, mentre The Sacred Stone, sulla stessa console, con 53.740 copie. Il capitolo per GC e quello per Wii debuttarono entrambi con circa 50.000 unità. Riguardo invece Fire Emblem: Shadow Dragon per DS, si hanno solo i dati del venduto totale: 250.000 copie, cifre che Awakening raggiungerà molto presto, e supererà con facilità.

Questo successo fa il paio con il boom che il gioco ebbe in Giappone, dove vendette quasi 500.000 copie, diventando quindi il secondo episodio più venduto di sempre dopo il primo per SNES. A questo punto, Fire Emblem: Awakening potrebbe raggiungere il milione di copie nel mondo, una volta uscito in Europa.

Fire Emblem Awakening

Un altro dato interessante riguarda Etrian Odyssey IV di Atlus, uscito su 3DS a fine mese in Nord America. Il quarto capitolo della celebre serie nata su DS ha venduto in una settimana circa 15.000 copie, decisamente promettente considerando la portata del progetto. I tre episodi precedenti, infatti, si sono attestati tra le 30.000 e le 40.000 copie, dimostrando di avere un seguito tale da permettere l’arrivo con profitto in Occidente.

This entry was posted in News. Bookmark the permalink.

27 Responses to Fire Emblem: Awakening registra il migliore debutto per la serie in Nord America

  1. mastergame says:

    cose è dovuto questo boom rispetto ai predecessore? comunque fire emblem mi sta espirando troppo,lo recupero per il mio compleanno!

  2. luis89 says:

    Non vedo l’ora che esca qua

  3. astaroth0086 says:

    Davvero un ottimo esempio di brand che si rinnova senza “casual-izzare” canibalizzando la logica e lo schema del prodotto originale.Intelligent System è riuscita a far dialogare passato, antipodi, con il futuro e la freschezza moderna, un emblematico esempio da studiare e analizzare…. Square hey dico a te!

  4. arkanim94 says:

    aprile è sempre così lontano ;_;

  5. Mr.Toad says:

    Tra l’altro probabilmente molti giocatori si sono butati così su questo nuovo capitolo perchè per mesi sono rimasti tutti a digiuno e per forza di cosa, per disperazione volevano UN gioco in più.

    Badate che non lo sto dicendo per cattiveria eh! Poi non so effettivamente quanto sia bello questo gioco ma… a me Fire Emblem non ha mai interessato.

    • FabiusBile says:

      Lo stavo per scrivere io, il gioco è validissimo, ma la gente ci si è buttata a bomba, perchè di giochi decenti era un bel pò che non ne uscivano.
      Non capisco chi è che faccia la scaletta dlle uscite in Nintendo, Topo Gigio?

    • DieM says:

      Veramente adesso esce un gioco al mese minimo.

    • FabiusBile says:

      E ti sembra tanto dopo il periodo di magra che abbiamo passato?

    • Haseo says:

      Il periodo di magra c’è stato praticamente solo in Europa, perché in America i giochi sono usciti in maniera abbastanza costante, prima del rilascio di FE:A. Inoltre, la gente “disperata” dalla mancanza di uscite non vende quasi 200k copie. Se un gioco non interessa, non lo si compra a prescindere, non è che tutti hanno soldi da buttare. Senza contare che diversa gente ha anche più di una console, e di conseguenza può voler comprare altri giochi per altre console, nello stesso periodo. FE:A ha avuto un’ottima accoglienza in America, prima da parte della critica e poi da parte del pubblico, perché se l’è meritato. Che poi a qualcuno qui non interessi non cambia niente. A me non interessa Zelda, ma mica vado in giro a dire che “Skyward Sword ha venduto bene perché su Wii non usciva niente da mesi”.

    • Alessandro Costantino says:

      D’accordo con Haseo.
      Ora non venitemi a dire che il successo di Fire Emblem è fisiologico, solo perché non c’era altro sulla piazza. C’era un certo castlevania, così tanto per dire, di cui non mi sembra di leggere nulla sugli ultimi report finanziari. E non era certo un gioco di nicchia, ma al contrario ha goduto di una certa spinta.

      Fire Emblem è il titolo di punta dell’anno per 3DS, così come lo è stato Kid Icarus U lo scorso anno.

    • FabiusBile says:

      Se la volete capire bene, altrimenti raccontatevela come volete.

      1° cosa che ho scritto è che il gioco è validissimo
      2° se non esce un tubo, tanti si fionderanno su un gioco che magari pensano possa essere valido anche se non è un capolavoro/è un genere loro non affine.
      3° è ovvio che se un gioco è una ciofeca, non lo si compra cumunque.

      Ed è così punto.

    • Haseo says:

      Ammesso e non concesso che sia come dici, credi davvero che tutta questa gente in “crisi di astinenza da videogioco” arrivi a piazzare sul mercato 180k copie? Sul totale, la percentuale di gente che l’ha comprato perché ha ragionato così sarà non più del 10% (quindi a dire tanto saranno 18-20k copie a essere derivate “da disperazione”, ma rimangono ugualmente 160k copie, risultato ugualmente strabiliante), perché i giocatori sanno a cosa vogliono giocare, e prima di acquistare qualcosa si informano un minimo. Anche quelli che non seguono i forum.

    • deveroos says:

      Secondo me, non è vero che la gente si è lanciata su Fire Emblem perché non ci sono state molte uscite di recente. Primo, perché è comunque un gioco di ruolo strategico, quindi un genere poco popolare (discorso diverso se fosse stato un platform, a mio avviso). Secondo, perché difficilmente chi ha un 3DS ha solo un 3DS, e sulle altre console in questi mesi di giochi ne sono uscito. Poi è la mia opinione.

      Awakening ha venduto perché Nintendo l’ha promosso molto bene, perché ha ricevuto ottimi voti (92% su Metacritic), e perché rappresenta un impegno serio nel voler ripartire con la serie e portarla su nuovi livelli di qualità.

    • FabiusBile says:

      Ma allora non la volete capire.
      NESSUNO ha detto che il gioco non avrebbe venduto comunque, ma resta il fatto che è uscito in un momento in cui non aveva concorrenza diretta, e questo ha dirottato tutti i possessori di 3ds interessati a comprarlo.
      Un esempio concreto:
      Se a me interessano 3 giochi in uscita simultanea, ma non posso permettermeli tutti e 3, anche se tutti mi interessano, non posso comprali, e dovrò fare una scelta, comprandone 1/2 subito e per quelli rimasti fuori aspetterò di trovarli usati/a prezzo ribassato.
      Se esce 1 gioco che mi interessa, e vengo da un periodo di magra videoludica, vai tranquillo che al 99% me lo comprerò al day one, mi sembra un ragionamento talmente semplice e lineare, che non capisco come fate a non comprenderlo.

      E io Fire Emblem lo comprerò, perchè finalmente è diventato più simile al mitico Shining Force 3, gioco che ho amato alla follia.

  6. LoSnupo says:

    Etrian odyssey capolavoro che ho amato in ogni incarnazione su DS e che mi fa pensare ogni tanto di prendermi pure un 3DS.

    • Alessandro Costantino says:

      Io ho paura che EO4 passi come il gioco di nicchia, per “intellettuali” del videogame che se la cantano e suonano da soli .In america è riuscito a sfondare, e spero che lo stesso accada anche da noi in europa.

      A braccetto con FE, penso che da soli costituiscano un motivo più che valido per prendersi un 3DS…

    • deveroos says:

      EO ha una fanbase fissa in Nord America dal primo capitolo, ed è anche per questo motivo che sono usciti tutti piuttosto regolarmente.

    • LoSnupo says:

      Dico solo una cosa: mica si vede tutti i giorni un rpg che ti fa disegnare da solo la tua mappa invece di fartela vedere completa di nemici, scrigni, frizzi & lazzi.
      Beh, si, su PC c’è Legend of Grimrock (vero old style per gli anzianotti) ma su console (moderne) di primo acchito non me ne vengono in mente altri., quindi, da vecchio giocatore di D&D amo questo gioco.

    • Skanderbeg68 says:

      Ma voi siete riusciti a comprare, a prezzi decenti, Etrian 2 e 3? Io purtroppo ho trovato solo il primo…

      Paolo

    • deveroos says:

      Gli altri due in Europa non sono usciti. Li puoi recuperare attraverso Amazon od il sito Atlus, considerando che il DS è region-free.

  7. galaxy999 says:

    se una cosa è fatta bene è giusto che venda

  8. AnBWii says:

    Ma pensa! Ed io che credevo che i bimbi americani giocassero solo a spararsi XD

  9. Capitan Olimar says:

    all’inizio non mi ispirava, ora invece lo vorrei subito!

  10. icarus90 says:

    forza manca poco

  11. PedroKeitawa says:

    Sono sincero volevo prenderlo al lancio della versione Giapponese, visto che con serie simili come Super Robot Taisen non ho mai avuto problemi nonostante la lingua. però credo che la cosa più bella di questa serie e sempre stata PER ME la trama. Dunque siccome volevo godermi la trama di questo nuovo episodio della serie, che conobbi grazie a SSBM visto il personaggio sbloccabile che risponde al nome di Marth, in una lingua a me facilmente comprensibile.

  12. Pingback: eShop: le novità del 28 marzo 2013 - Wii Italia