How Nintendo Directs Represent a New Direction and Improvement of Gaming Journalism

Jury member and Italian actress Asia Argento is pictured by photographers during a photocall at the 62nd Cannes Film Festival May 13, 2009. The 62nd Cannes film festival opens on Wednesday and 20 films compete for the prestigious Palme d'Or which will be awarded on May 24.  REUTERS/Eric Gaillard (FRANCE ENTERTAINMENT MEDIA)

Reality is never accessed in the raw, but is always represented.

This line above, this single truth has been the bane of gaming journalism in the modern gaming age. There is a system of power that dominates our access to gaming media, a system that often represents itself as ‘transparent’ and ‘credible’. Specifically, this system of power is made up of many components – developers, publishers, gaming press, and users. First, developers are the laborers, indeed the hands that create the material we play. They have direct power over material. Second, publishers have power over developers to ensure financial sustainability. If they mandate the inclusion or exclusion of particular aspects of a game, the developer is hard pressed to argue. Third, gaming press has a power over publishers in that they are the outlets in which we access videogame media - they represent reality for and to us. This is the piece of the system I am most interested in as I think it is (thanks to the wild success of Nintendo Direct) the most fragile and in need of serious renovation. Lastly, users have power over all three previous powers, but are often (always) shaped and molded by the representations provided by gaming press. Let’s talk specifically about the power of gaming press.

GameTrailers – IGN – Gamespot – G4TV – Kotaku – Destructoid – 1up – GamesRadar – the Escapist – Joystiq – Giant Bomb

You all have your favorite sites/sights to visit and see. Many gaming sites pride themselves on different strengths in order to garner specific audiences. All, however, do the same thing – they represent the reality of gaming for and to us. They are the insiders who have the most direct access to gaming media. They form relationships with publishers and fight for exclusive game reveals and information and reviews to demonstrate superiority in news-craft. To demonstrate this concept (skip it if you find it uninteresting), I’m going to analyze a brief IGN video that revealed the new “Legendary” difficulty emblem in Halo 4: http://www.youtube.com/watch?v=mn61qe9UNqw

  • The video is advertised as a “daily fix,” demonstrating its short, accessible nature (as opposed to in-depth and thorough).
  • It advertises an “exclusive Halo 4″ reveal, one of the most anticipated games of 2012, but does not specify the nature of the exclusive. IGN now has power over Halo 4 fans with this statement.
  • “Excited for Halo 4?” the announcer queries. “Well we certainly are…” Immediately the talking head is put on the same level as the audience. This is accessible material meant for easy consumption.
  • “…and don’t be shocked, but some things are changing this time around.” – the head speaks as if the following will be shocking news. We are prepared to be shocked.
  • “So lets head over to [insert experts here] for more info” – these are the people who are informed and know. We trust their knowledge.
  •  THE ACTUAL NEWS: Halo 4 has a new Legendary Crest that depicts a human’s head instead of an Elite’s head. They highlight the “first look,” and they show an image to demonstrate their knowledge. Credibility, trustworthiness, and payoff.
  • What follows is perhaps most important: They frame the argument.
    - They know this means that there will be a legendary difficulty
    - They frame the news positively and hypothesize that it points to a special ending for those who complete legendary difficulty similar to those found in Halo 1 and 3.
    - They frame the news negatively and wonder how people with the old legendary symbol tattoo’d to their body will react.
  • We are transferred back to the first head who frames the news differently – she likes the changes Cortana has made. More framing.
  • Finally, the head promises more exclusive information and hand-on in the future… just in case you were worried they had run out.

Reality is never accessed in the raw, but is always represented.

What has happened here in that last 1:30 clip held power over us and relied on the past to frame the present, which then depicts the future in a particular way. The new Legendary icon is either good or bad, but it is also a new reason to discuss the game in particular ways. IGN frames the way we talk about it via “a new super special ending”, or through a renegotiation of “tattoos”. Either way, you are left with an opinion on all of these things and ready to intelligently articulate them to the world. IGN gave you that power of engagement and knowledge through their own power of representation.

One publisher where you will rarely, or perhaps never again, see exclusive content about is Nintendo. They have recently provided a new outlet for users to access news media – directly through Nintendo themselves. This was likely a long time coming as Nintendo is often framed negatively by gaming press and most likely wanted a way to speak directly to their audience without game sites re-representing their announcements.

What is important here (for me), however, is that we gamers have one fewer source of power in a system of power that dominates how and what we think about videogames. Indeed, Nintendo’s most recent Nintendo Direct allowed users to hear messages directly from developers. In fact, all of the information came directly from the PRESIDENT of Nintendo – a full half-hour of direct information from the mouth that informs and powers the company. On top of this, Iwata has added “Iwata Asks” which allow even more access to the development process at Nintendo and other studios. While this does not mean that gaming media goes un-mediated (it is always represented), it does mean that we can create more varied reactions to Nintendo’s announcements rather than the dichotomous “good vs. bad” approach popular gaming sites (representers) will often (always) make.

The most recent Nintendo Direct is representative of this process.

With the Nintendo Direct, users were left with a broad variety of topics to discuss, including the individual elements shown by each trailer with only Nintendo’s filter and our own past opinions and dogmas (we all have them) as a guide. For gaming media, however, there was a level of disconnect between announcing these games themselves and not having the ability to frame their birth. Each site is now RUSHING to frame each and every game, and perhaps most interestingly, to frame the entire Nintendo Direct as a whole.

Each of these present a good/bad scenario in terms of the “broader” picture of the Nintendo Direct. Each one presents age-old arguments about Nintendo, but recirculated for a new time, a new event, a new sight. These are easy arguments that are apparent to us because we are framed and accustomed to seeing them. While they are based in a material reality, they are nothing more than a limiting view of the world that constricts our possible discussion avenues. We talk about whether Nintendo is “trapped,” “only promising,” and “behind the times” because they tell us to.

What is so interesting about this, however, is that credibility and transparency are dissolved from this process beyond simply “trusting the source” or “agreeing with the opinion.” Starved of exclusive reveals and information, these gaming sites will likely rely more and more on these types of “framing” pieces, each more controversial than the last, until their transparency is all but mud. Indeed, if other publishers begin representing their materials directly to fans, there will be no “need” for game sites, but rather bloggers to follow and enjoy. Perhaps this will require gaming sites to put more thought and time into their articles beyond regurgitating old arguments for new events.  Perhaps actual journalism will be required that looks at a realm of possibility beyond a dichotomous outcome. That is my hope.

Brandon Gumm
Link to the original article 

This entry was posted in Articoli and tagged . Bookmark the permalink.

32 Responses to How Nintendo Directs Represent a New Direction and Improvement of Gaming Journalism

  1. AndryPrime says:

    Bello, bello, bello. Un sentito ringraziamento a te ed Alessandro che di tanto in tanto ci permettete di godere di questi interessantissimi articoli.

    Viva Wii Italia, dal 2009 nei preferiti del mio browser (questa è una chicca xD)

  2. arkanim94 says:

    Articolo davvero molto bello ed interessante, un plauso a colui che la scritto e a Dev per l’ottima traduzione ( ho notato solo un piccolo errore di battitura ).
    La prima parte scava davvero a fondo nell’organizazione del giornalismo videoludico e mette in risalto alcuni problemi che avevo gia notato qualche tempo fa ( notizie che seguono un canovaccio standard a seconda dell’argomento ).
    La seconda parte è il piatto forte: collegamento diretto tra Amministrazione e pubblico, oltre ad un aspetto “umano” della cosa ( avere Iwata che ci presenta i giochi fa tutto un’altro effetto di un freddo comunicato stampa ) mi trovo daccordo in toto in toto con l’articolo, aggiungo anche che questi direct fanno sbandare anche molti scettici e hater ( bayonetta 2 prima e X adesso ), vorrei che anche Sony e MS cominciassero a fare cose del genere ma penso che la cosa non accadra, come ipotizzato nell’articolo i direct nascono dalla necessita di nintendo di sganciarsi dalla scettica stampa videoludica, finchè sony e MS non si troveranno nella stessa situazione penso che rimarranno tranquilli sui loro comunicati stampa.

  3. Marco Disarò says:

    Innanzitutto “Wow!”, sia per il lavoraccio fatto per la traduzione (grazie Dev!), sia per l’articolo in sè. Esprime benissimo quello che un buon nintendaro/”videogiocatore con un po’ di sale in zucca” pensa di articoli che ormai sono sempre la stessa solfa trita e ritrita. Togliere il bisogno di un tramite per conoscere le notizie fa perdere potere alle varie testate, che non possono più applicare i filtri a loro più comodi. L’unica possibilità è cercare di depauperare le notizie della rilevanza e dell’autorevolezza che in realtà hanno, per esempio accostandole ad annotazioni negative che non c’entrano una mazza. Ma se per contraltare hanno Iwata stesso che parla di titoloni c’è ben poco che possano fare.
    W Nintendo!!! (e ovviamente Wiitalia XD)

  4. GiovanniZ says:

    Tralasciando le disquisizioni varie sulla stampa che l’utente accorto evita a priori perchè inutili per la fruizione della notizia stessa, sono perfettamente d’accordo con la politica di quest’ultimo anno di Nintendo riguardante gli annunci e il modo di rapportarsi con la clientela. Perchè?

    - L’utente non è pilotato verso un giudizio tramite filtri terzi, c’è un rapporto diretto con la Nintendo. All’acquirente viene mostrato un prodotto e sta a lui giudicare se questo è meritevole o no. (Cosa ben riportata già nell’articolo e a mio parere basilare per creare utenti coscienti e non lobotomizzati dalle fanwars);

    - L’utente con questi mezzi si sente PARTE dell’azienda, viene fidelizzato e perciò è molto più propenso a seguire e/o supportare in vari modi l’azienda stessa. In quale altra casa madre trovate il presidente che scende dal piedistallo e “gioca” con voi attraverso la conduzione di un bollettino o attraverso interviste interessanti? Kutaragi nei bei tempi in Sony non l’avrebbe mai fatto. In più, per Nintendo, fidelizzazione significa maggiori guadagni, ergo non è un male.

    - L’utente si sente IMPORTANTE, perchè comunica de visu con il presidente, mica con un usciere a caso, quindi sente apprezzato il suo supporto, si sente rispettato.

    - L’utente ha queste notizie IN ANTEPRIMA, nessun esterno prima di lui sa qualcosa, tutti ricevono la notizia in contemporanea, segno di rispetto verso tutti da parte della casa madre e per tal motivo segno degno di altrettanto rispetto.

    - Nintendo, casa notoriamente molto restia alla divulgazione esterna, finalmente FA qualcosa per riparare gli errori passati. Questo behaviour sembra il naturale prosieguo della rivoluzione iniziata con l’hardware (Dal DS in poi ogni console non è più potenza ma è soprattutto innovazione, forse anche a causa della nuova posizione da supervisore di Shigeru…chissà!), Nintendo si spinge verso nuovi confini peraltro riuscendo benissimo a muoversi nonostante la novità.

    Ho solo alcune puntualizzazioni da fare in relazione all’uso degli strumenti:

    - I Direct devono essere TUTTI uguali per tutto il mondo. Non devono esserci Direct solo per il Giappone, altri solo per l’Europa e altri solo per l’America. Ogni utente deve sapere quello che accade in ogni regione e deve essere trattato nello stesso modo ovunque risieda. Grande passo avanti è stato dato in tal senso con la futura pubblicazione in contemporanea mondiale di Pokèmon X e Y. Il prossimo obiettivo è l’abbattimento del region lock sulle console, che è una barriera anacronistica ed inutile. Probabilmente ci arriveremo con la prossima generazione di hardware, le rivoluzioni si fanno a piccoli passi.

    - Sarebbe bene cadenzare i Direct con date precise e FISSE, annunciate per tempo e non 3 giorni prima della proiezione. L’utente che non ricerca assiduamente le notizie nuove potrebbe altrimenti perdere la possibilità di seguire la diretta, sentendosi trattato in modo peggiore rispetto ad altri. D’accordo, c’è la possibilità di rivedere l’evento quando si vuole, ma secondo voi è la stessa cosa guardarlo in differita ed in diretta?

    Spero che vi abbia fatto piacere leggere le mie riflessioni in merito.

    • deveroos says:

      Sono d’accordo con tutto più o meno. Il Nintendo Direct non è solo un approccio inedito nel settore (Sony e MS hanno i loro blog, ma preferiscono fare affidamente all’E3 ed a show rutilanti per presentare i loro prodotti), ma è anche decisamente innovativo per la compagnia, di solito restìa al contatto con il pubblico. E, cosa più importante, sembra che Nintendo davvero ascolti le lamentele dei suoi consumatori. Quante volte si è scusato Iwata nell’ultimo Direct? E pensare che non abbiamo visto scusare nemmeno una volta MS per il RROD, per dire.

      Una cosa però: le differenze regionali tra i Direct esisteranno sempre per il semplice fatto che i rilasci dei giochi non sono contemporanei in tutti i paesi. Questo ci sta. Ma gli ultimi Direct importanti (Pokémon e giochi Wii U) sono stati trasmessi insieme in ogni territorio, e questo è un bel passo in avanti!

  5. Gummb says:

    I just wanted to come and say thank you so much for translating my article. It is such an honor! I hope you all enjoy it. :)

    – Brandon Gumm

    Google Translate (Sorry!): Volevo solo venire a dire grazie mille per la traduzione il mio articolo. E ‘un onore! Spero che tutto ciò che piace. :)

    – Brandon Gumm

  6. TerCh says:

    Questa è la vera Nintendo Difference. Iwata mette al primo posto i clienti, ed è giusto così, perché siamo noi che paghiamo. Loro producono sempre nuove emozioni e noi li ricompensiamo, loro ci rispettano e ci considerano persone e non dispensatori di banconote e noi apprezziamo. E’ così che si gestisce un’azienda, mettendo al primo posto tutte quelle persone che ti fanno guadagnare la pagnotta.

    • NINTEN.FOX says:

      Yeah!!! Nintendo rules!!!

    • Gr3gory says:

      STANDING OVATION.. :D

      Per questo motivo in questa gen ho scelto di tornare ad N, dopo aver avuto SNES, N64, poi Play 2 ed XBox360 (con Wii annessa). Mi sono stufato di farmi prendere in giro da Microsoft e la loro ‘Microsoft Difference’… Sony la vedo già più di buon’occhio, ma dopo che ha giurato di distruggere la N al tempo che entrò sul mercato, da Nintendofan, non posso far certo il tifo per loro… ;)

      Dopo tutto quel che hanno fatto per questa gen, parlo di N, si meritano proprio che mi ‘andrò’ solo di Wii U a sto giro… :)

    • Gr3gory says:

      come ‘mi’ parlo male, certo però.. ^^

  7. mastergame says:

    prima di tutto,grazie devoores,per la traduzione,e per la possibilità di leggere questi articoli.Per i Direct,sono proprio la difference di Nintendo,invece di farsi fare pubblicità da terzi(che molte volte la criticanoe e la infangano) a fatto in modo di comunicare direttamente al utente/videogiocatore/compratore,in modo da essere più vicino(come ha scritto l’articolo,e altri utenti),ci fa sentire direttamente partecipi al lavoro.poi anche quella di Iwata,non mi sembra che altri,vadano cosi allo sbaraglio,o si scusino per gli errori,o perchè non sa fare una cosa(vi ricordate l’unboxing di wii u,c’è dire li che non era capacce di mettere il wii u,sullo piedistalla,invece di essere criticato e dove essere premiato). anche se vorrei puntializzare una cosa(che ha già detto giovanniZ) che i direct non dovrebbero essere per regione,dovrebbero essere mondiali,da cosi da far sentire tutti,sotto la stessa famiglia e no in gruppi distinti.

  8. Zorgio92 says:

    Dev te che sai l’inglese senza cadere in vergognosi errori grammaticali…ringrazia Brandom Gumm anche da parte nostra :)

    Ora:
    Primo punto: chi ha realizzato il fotomontaggio di Iwata? E’ una genialata

    Secondo punto: non c’è molto da commentare riguardo all’articolo, espone chiaramente non solo il mercato videoludico ma anche quello mondiale, in qualsiasi settore dell’intrattenimento…e pensandoci bene il Nintendo Direct è una fonte rivoluzionaria sotto quest’aspetto, proviamo per un attimo ad immaginare se la Marvel annunciasse così i propri fumetti, o la Warner Bros tenesse sempre informati gli spettatori sui come stanno progredendo i loro film…imho acquisterebbero consensi e aumenterebbero le vendite senza particolare sforzo…fai un video su youtube ed il gioco è fatto.

    L’unica compagnia che ha realizzato qualcosa di simile al Nintendo Direct è la Apple, dove i “boss” parlavano direttamente del nuovo prodotto…ma erano casi più unici che rari, non qualcosa di bimensile

    • deveroos says:

      L’idea non è certamente nuova, ma è l’approccio utilizzato ad esserlo. Apple presenta in prima persona i prodotti, è vera, ma anche Sony e MS. Ma dove? All’E3, alle conferenze apposite, sotto mille giri di parole e centinaia di giornalisti a prendere nota (tant’è che gli eventi Apple non sono in live-streaming). Qui c’è Iwata che espone le notizie, e tutti le vengono a sapere nello stesso momento: dal giornalista che teoricamente dovrebbe avere accesso privilegiato, all’ultimo utente del forum dell’ultimo Paese del mondo, che magari lo avrebbe saputo ore ed ore dopo.

      PS: il fotomontaggio l’ha fatto Psy!

  9. Miidea says:

    Mah, secondo me in Nintendo Direct ha anche dei lati negativi. Un gionalista può anche dire se un gioco non lo convince pienamente e far notare dei difetti e delle mancanze. Iwata secondo voi lo farà mai?

    • deveroos says:

      è questo il punto: Iwata mostra semplicemente. Non dice “il gioco sarà bello”, piuttosto “il gioco avrà questa modalità”. Il Nintendo Direct lascia agli spettatori tutti i giudizi, senza filtri. Alla fine del trailer di Project X, Iwata ha chiesto “com’è stato?”, e questo secondo me è molto indicativo.

    • itos says:

      o.O hai letto l’articolo?….Spiega che è l’utente finale a decidere se un gioco è meritovelo o no, là dove il plasma giornalistico ha poco valore.

    • DieM says:

      Questo è il punto, chi sono i giornalisti? Gente qualunque, coi propri gusti e preferenze. E sicuramente non sono più intelligenti di un normale utente.
      Io credo di essere capacissimo da solo a notare i difetti e i pregi di un gioco, e se al giornalista non lo convince a me interessa davvero poco XD

  10. WaPier says:

    Articolo stupendo, mostra la realtà delle cose. O meglio l’apparenza.
    Io ho da sempre rinunciato a seguire queste grandi “testate videoludiche”, preferendo piuttosto siti, blog e forum come Wiitalia, dove si può parlare da videogiocatore a videogiocatore.

  11. frenci says:

    articolo estremamente interessante e utile! Grazie dev per l’ottima traduzione!!!
    Purtroppo quello che fa notare gumm è una tendenza del giornalismo a livello globale e non solo per i videogame, ovvero veicolare le notizie! far trasparire ciò che vuole il giornalista e così togliere l’obiettività e la libertà del lettore di ragionare. Nintendo ha fatto una mossa geniale da più punti di vista, come avete giustamente fatto notare anche voi, e la più geniale è quella di evitare così la critica facile della stampa che chissà per quale strano motivo critica sempre e perennemente nintendo! Una cosa che secondo me la N deve cambiare è l’annunciare i direct uno o due giorni prima, addirittura a volte il giorno stesso! Dovrebbero trasformarlo in una specie di format regolare (cosa a conti fatti lo è già) con date fisse, in modo da coinvolgere tutti gli utenti in questa sua personale rivoluzione! Ah e magari aprire un app su 3ds e Wiiu dove li fa vedere in streaming non sarebbe male!!XD Per il resto Nintendo è sinonimo di rivoluzione, lenta certamente, ma si sa che a piccoli passi si arriva lontano!

    • GiovanniZ says:

      Un’idea interessante sarebbe avvertire gli utenti tramite il diario della console, così come faceva con i concorsi Mii su Wii (Sulle nuove console non so che fa perchè non le ho).

  12. DieM says:

    I commenti precedenti e l’articolo hanno detto praticamente tutto.
    Questi direct sono geniali, perchè ti fanno sentire vicino all’azienda.
    Se incontri Iwata per strada ti verrebbe da dire: “Hei, Satto-kun, come butta vecchia quercia?” il presidente ti è simpatico, te lo senti quasi un amico che ti dice, durante una chiacchierata cosa sta facendo al lavoro.
    E poi i direct possono essere visti e rivisti direttamente su eshop, sottotitolati nella proprio lingua, su 3DS o WiiU, stupendo!
    E poi sono anche strutturati bene, l’ultimo è stato geniale, dopo aver detto che mostravano tutto all’E3 un utente si sarebbe potuto indispettire, ma lì subito pronto con un video, ma non uno qualunque, perchè siamo abituati ai soliti “abbiate pazienza, vi daremo notizie” ma non sappiamo mai se fidarci o no, Iwata invece ci ha fatto vedere un video (quello di bayonetta) dove vediamo gli sviluppatori che lavorano!!! XD
    Come per dire: visto? Stiamo lavorando, tranquilli!
    è GENIALE!! Non puoi proprio obbiettare XD

  13. MagicBox says:

    La cosa bella dei Direct, è che mentre guardi sai che quella è la prima volta per tutti, ti fai le tue idee e le tue convinzioni sul prodotto che ti è mostrato o su quello che dice Iwata, ed è un “imprinting” fortissimo che difficilmente poi può essere cambiato a posteriori da un commento di “terzi”.
    Il problema è che comunque, anche se devono riorganizzarsi, prima o poi la stampa arriva coi suoi “speciali” e coi suoi commenti, e quindi alla fine la situazione torna al punto di partenza, anche se lascia quel giorno o due di “vuoto” che può permettere ai più aggiornati di farsi le proprie idee e di diffonderle eventualmente per il web,
    Insomma, tirando le somme per me questa iniziativa è stupenda, inoltre trovo che pur essendo imbalsamato, Iwata sia tutto sommato perfetto per il ruolo di trasparenza e di “collegamento” diretto tra Nintendo e utenza, ci mette la faccia in prima persona e per me questo vuol dire tanto, tralasciando poi il fatto che personalmente lo trovo anche abbastanza “buffo” da strapparmi più di un sorriso :D

  14. Kurt Vedder says:

    Complimenti a Deveroos per aver tradotto tutto questo articolo (è stato faticoso anche solo leggerlo, figuriamoci tradurlo!), e comunque sono d’accordo con chidice che Nintendo l’abbia fatto per via della scomoda situazione in cui si trova, quasi sempre la stampa fraintende e filtra le news sulla grande N, molte volte diffamandola senza fonti certe; con i Direct invece le informazioni e gli annunci vengono date direttamente da Nintendo al pubblico, e poi Iwata mi sta simpatico, preferisco vedere le sue presentazioni piuttosto che delle fredde news scritte talvolta da gente che odia Nintendo. (ovviamente non parlo di Wiitalia, uno dei pochi siti che mi piacciono :D )

  15. itos says:

    Thanks Brandon Gumm e grazie Deveroos per la traduzione.
    A me sembra che alle varie testate giornalistiche dia fastidio che Nintendo abbia una filosofia propria diversa dalla concorrenza, mentre Sony e MS vanno a braccetto Nintendo viaggia a mani unite per la propria via, ma questo viene visto come un gap piuttosto come un segno positivo, sembra quasi che la stampa videoludica voglia cloni di console invece di averne diverse su cui cimentarsi e questo la dice lunga sul lato professionale di suddette testate.
    L’ultimo Nintendo Direct è stato stratosferico ma nessuna testata menziona niente, segno della poca professionalità, se fosse stato un evento Sony o MS ci sarebbero stati i fuochi d’artificio.
    Nintendo Difference, I Want to Believe.

  16. el gianneiro says:

    Grande articolo,molto interessante ma sopratutto un grande gesto di onesta’…..raro di questi tempi…complimenti di cuore :)

  17. LAEB says:

    i Nintendo Direct sono a mio parere la più bella iniziativa di Nintendo da qualche anno a questa parte. sono utilissimi!

  18. Pingback: The Legend of OT X: Anno 2013 - Page 43 - Il Forum ufficiale di Multiplayer.it, con discussioni, sondaggi e le ultime informazioni

  19. Melancholy Player says:

    Articolo interessante, senza dubbio pensato e non banale, e per lo più male interpretato su Gaf come una sorta di uscita da PR nascosto. peccato.
    Va però detto e ricordato che, nelle parole stesse dell’articolo si cela anche la verità “cattiva” dei Direct, e cioè l’interpretazione della realtà.
    Trovo errato dire infatti che il Direct è “neutro” come è stato accennato qui in alcuni commenti, poichè non è vero.
    Il fatto di dire che nei Direct non c’è intermediazione alcuna tra il fruitore e il prodotto è illusorio, anche se l’interpretazione è meno presente. Ma in realtà è meno evidente, eppur presente.
    La struttura, i contenuti, la modalità espositiva ecc…non sono spontanee, ma studiate dall’ufficio PR di Nintendo di pari passo con Iwata stesso (così come le domande e risposte degli Iwata Ask).
    Detto questo, concordo su due aspetti primari del pezzo: la comunicazione è in ogni caso più diretta perchè i commenti sul prodotto non vengono presentati e si lascia interpretazione all’utente (ma ripeto, attenzione: presentare il 3DS XL nel Direct equivale a darne un giudizio positivo su utilità e nuove caratteristiche, tanto per fare un esempio, così come dire che Yoshi è diretto da Tezuka porta con sè tutto un substrato referenziale atto a far nascere nell’ascoltatore l’idea che il progetto possa avere i crismi di una produzione importante); l’altro aspetto è la necessità che questi video impongono al giornalismo di settore (di per sè piuttosto piatto e ridondante) di impegnarsi in analisi che esulino dagli schemi standard basati su stereotipi di settore.

    • deveroos says:

      Il fatto che sia studiato, non significa che sia studiato per non essere neutro. Anzi, a me pare proprio il contrario! E basta fare un confronto tra un Direct ed un E3. A Los Angeles geni del marketing e della comunicazione spendono mesi e mesi per mettere a punto conferenze perfette dal punto di vista mediatico, mettendo davanti a tutti lo spirito vanesio delle compagnie; si mostrano i dati di vendita, si mostra quanto la compagnia è amica delle terze parti, si invitano personaggi famosi, e via dicendo.

      Se anche il Direct è fatto per piacere ad una certa utenza, è costruito in maniera genuina. Sfondo neutro o aziendale, Iwata che lo presenta (che non è certo Steve Jobs), nessuna pippa su dati di vendita o robe varie. Qui sta la differenza. E’ Nintendo che dice: ecco i trailer, ecco il servizio, ecco il gioco. Stop.

  20. Melancholy Player says:

    è studiato nei contenuti, nelle scalette, nel tono. ma non è mica un difetto: è solo ovvio che ogni forma di rappresentazione, in quanto tale, sia appunto “rappresentata”, cioè spostata da una posizione di vera neutralità (stato inerte) e posta in essere (stato attivo) da un attore verso un pubblico.
    Basta immaginarsi un processo espostivo contrario nei contenuti per l’ultimo Direct (inizio con Project X, passo a Yoshi, poi presento Party, illustro la community di Fit, cito la Virtual Console e finisco per parlare di Miiverse) per riuscire a immaginarsi reazioni molto diverse da parte del pubblico.

  21. Pingback: E3 2013: Nintendo non terrà la tradizionale conferenza - Wii Italia