The Cave

Se siete cresciuti a pane, Monkey Island e Maniac Mansion, giocando The Cave verrete immediatamente colti da lunghi brividi di piacere.

The Cave (Wii U eShop)
Il prodotto della sacra unione tra Ron Gilbert (se non sapete chi è, aprite wikipedia e fatevi una cultura, giovinastri!) e Double Fine è un vero e proprio testamento ad un’epoca ormai lontana, che in particolare i PC gamer più anzianotti ricordano con grande nostalgia. E no, non venite a dirmi che The Walking Dead è il nuovo Day of the Tentacle: sono sicuro che in fondo in fondo non ci credete neanche voi.

Sotto le sue vesti da metroidvania, The Cave nasconde infatti la stessa ironia, lo stile narrativo ed i puzzle che costellavano le avventure grafiche di vent’anni fa. Il gioco è strutturato come uno show da seconda serata d’altri tempi, la cui sagace voce narrante appartiene proprio alla caverna titolare che il gruppo di bizzarri protagonisti avranno il compito di esplorare. Strano, eh?

E The Cave è un “individuo” (?) con personalità da vendere, in grado di trasformare un’esperienza di gioco in qualcosa di davvero speciale, memorabile, senza ricorrere ad effetti speciali, o a un numero di poligoni esorbitante, o shader di ultima generazione. Incanta semplicemente con la sua voce, come a ricordare che per catturare l’attenzione del giocatore non servono cicli di produzione ultracostosi e altri patinati numeri da circo. Basta raccontare le storie giuste nel modo giusto.

the-cave-wii-u-eshop_008

Nella bizzarra introduzione, saremo invitati a scegliere tre dei sette personaggi disponibili, ognuno dotato di background ed abilità completamente differenti. Nei panni della nostra personalissima tripletta dovremo poi scendere sempre più in profondità, raccogliendo e combinando oggetti per risolvere complessi enigmi ed esplorando i misteriosi meandri della caverna che, come spiegato nell’incipit del gioco, nasconde tesori, potere e risposte per chiunque abbia il coraggio di pagare il prezzo necessario per ottenerli.

L’aspetto davvero interessante di The Cave è la sua capacità di spingervi a rigiocarlo ripetutamente. Non soltanto grazie alle abilità speciali dei personaggi (la scienziata può usare le sue doti da hacker per attivare vari tipi di congegni mentre il cavaliere può diventare invulnerabile) le cui combinazioni permettono di risolvere ogni puzzle in tanti modi differenti, ma anche grazie al superbo e mutevole level design: i livelli di cui l’avventura è composta variano in base ai membri del vostro party.

Così ad esempio scegliendo il cavaliere prima o poi vi ritroverete a visitare un castello fantasy (si, un castello fantasy sotto terra, avete letto bene) ma se in una nuova partita sceglierete i malvagissimi gemelli inevitabilmente finirete per mettere piede in una magione vittoriana. Si tratta di una meccanica tanto semplice quanto indovinata, che unita all’adorabile commentario di The Cave, fa si che ogni partita sia potenzialmente completamente diversa dalla precedente.

the-cave-wii-u-eshop_014the-cave-wii-u-eshop_001

Ma il matrimonio perfetto tra punta e clicca e platform del gameplay e la varietà di situazioni garantite dal design dei livelli non sono l’unico fiore all’occhiello del lavoro Double Fine: The Cave, infatti, è un vero e proprio piacere per gli occhi e le orecchie. L’accompagnamento sonoro, il finissimo doppiaggio (esclusivamente in inglese – ma non temete, cari connazionali, il titolo è interamente sottotitolato nel nostro idioma), e sopratutto il compartografico-artistico sono sbalorditivi.

Gli amanti delle console war e dei confronti da quattro soldi saranno felici di sapere che le performance della versione Wii U del titolo sono perfettamente identiche a quelle viste sulle console “concorrenti”. L’azione è saltuariamente interrotta anche per noi poveri nintendari da rallentamenti e cali del framerate (nemmeno troppo fastidiosi), e può capitare che i personaggi si incastrino nel fondale (fortunatamente è possibile resettarne la posizione con la pressione dei tasti dorsali). Diffetti alla fine di poco conto, che non minano la fruizione di questa piccola gemma.

Anzi, ci sentiamo di consigliare agli utenti multipiattaforma proprio la versione Wii U! Non per meriti particolari riguardanti l’uso del gamepad (fondamentalmente inutile, manca purtroppo anche l’Off-Tv Play), bensì per l’integrazione con Miiverse. Proprio grazie a questo gioco, infatti, è facile rendersi conto di quanto avere una community con cui interagire al volo possa fare la differenza: non riuscite a raggiungere una leva? Postate uno screenshot e il gioco è fatto!

the-cave-wii-u-eshop_007the-cave-wii-u-eshop_003

The Cave è un titolo pensato, in teoria, per essere giocato in multiplayer. A dirla tutta, però, l’interfaccia di gioco non è delle migliori, e il lavoro Double Fine sembra costantemente indeciso se premiare i giocatori solitari e quelli in compagnia, ora puntando un pò troppo su un’esplorazione annacquata da fastidiose sessioni di backtracking, ora rendendo complicata la gestione di tre personaggi da tre giocatori diversi (per di più senza split-screen). Ma l’unico vero problema di The Cave è, in un certo senso, la longevità.Per portare a termine il gioco per la prima volta occorrono circa 4 ore, il che non è niente male per un titolo indie che punta tutto sulla rigiocabilità.

Quando l’avrete completato al 100% con tutti i personaggi, The Cave lascerà un triste vuoto nel vostro cuoricino pulsante. Quel vuoto che i fan di Monkey Island sentono ormai da molti anni, e che probabilmente non sarà nuovamente colmato prima di un paio di lustri, quando Ron Gilbert e compagni si riuniranno ancora una volta per ricordare al mondo intero che l’occidente può regalare ai giocatori ben più delle solite noiose simulazioni belliche in prima persona.

This entry was posted in Recensioni. Bookmark the permalink.

19 Responses to The Cave

  1. Raffy99 says:

    Ottima recensione ;)

  2. frenci says:

    si può giocare sul gamepad? nella rece non c’è scritto…

  3. Zorgio92 says:

    provata la demo e l’ho amato….appena scende di prezzo lo compro!

  4. Marco Disarò says:

    Questo sembra proprio un signor giocone!!! Poi lo humor la fa da padrone, già solo l’intro era spassosissima.

  5. Nicco8 says:

    Ottima recensione, il gioco trasuda Monkey Island e questo non è un bene, di più!!
    Unica annotazione, io sapevo che Gilbert fa a tutti gli effetti parte di Double Fine ora e che stanno producendo un’avventura punta e clicca (Double Fine adventure) finanziata su Kickaster,

    • Francesco "Gazpacho" Dagostino says:

      Double Fine adventure!
      Si The Cave è – se non erro – il primo gioco creato da Ron Gilbert dopo essere entrato in Double Fine!

  6. Daniele Magro says:

    I giochi di Double Fine sono uno meglio dell’altro – d’altronde alle redini del team c’è un certo Tim Schafer (day of the tentacle, grim fandago, tra gli altri) – ed ora, la mente di Ron Gilbert ha portato un tocco di genialità in più. The Cave è la dimostrazione che questa è una combinazione vincente, mentre il futuro “Double Fine Adventure” si preannuncia già come un nuovo capolavoro del genere.

    P.S: Gazpacho, The Walking Dead è noioso da morire, niente a che vedere con i capolavori di LucasArts.

  7. MICIO says:

    Comprato subito appena uscito….gioco geniale!!! Consigliato al 100%

  8. TONIO-BAGDAD says:

    Un po’ troppo corto direi :( abituati specilmente con i vecchi monkey island a una longevita’ esagerata……aspettero’ una bella offerta per prenderlo ;)

    • AnBWii says:

      Mi sa che ti stai confondendo. Monkey può essere finito in mezzora.

    • motolo says:

      a dire il vero il primo monkey non arrivava a 6 ore di gioco consecutive mentre le cose sono migliorate col 2 che era lungo il doppio.

    • TONIO-BAGDAD says:

      puo’ ma diciamo che lo si gioca così

  9. JonSnow says:

    La demo mi è piaciuta tantissimo!!! Appena avrò un po’ di tempo da dedicare a Wii U lo prenderò per ingannare l’attesa fino a Wind Waker!

  10. Killua.90 says:

    Provata la demo :) gioco veramente bellino :)

  11. TONIO-BAGDAD says:

    io mi fissavo parecchio quando giocavo forse per questo mi duravano una vita :) comunque se qualcuno lo ha finito sapremme dire quanto dura + o – ovvio che la longevità cambia da persona a persona