*/ ?> Recensione di RAdar Pokémon (3DS eShop) - 3DS Italia
Ci siamo trasferiti qui!

RAdar Pokémon: la recensione

Quella che vi apprestate a leggere non è esattamente una recensione. Questo perchè RAdar Pokémon, non è un gioco vero e proprio. E’ qualcosa di molto più vicino ad una app di quelle che comprereste sul vostro iPhone, un piccolo timesink basato sul mondo dei Pokémon, reso però incredibilmente interessante dalla possibilità di interagire con gli imminenti Pokémon Bianco e Nero 2.

RAdar Pokémon per Nintendo 3DS (eShop)

RAdar Pokémon è un titolo basato sulla Realtà Aumentata, e consiste nello sparare raggi laser contro delle nuvole colorate che invaderanno il vostro spazio di gioco. Le nuvole possono essere di due tipi, rosa o nere: le prime contengono Dream Point, di cui parleremo più avanti, mentre quelle nere celano al loro interno preziosi oggetti o pokèmon, che potrete catturare e trasferire sulla cartuccia di Pokémon Bianco o Nero 2.

radar-pokemon-3ds-eshop_005Si tratta di un vantaggio non da poco: gli oggetti che potrete recuperare grazie al radar vanno da “semplici” revitalizzatori a pietre evolutive e vari oggetti per aumentare le stat dei vostri mostri (PPSu, Calcio e via dicendo). Le creature catturabili, invece, contano alcuni dei mostri più tosti da recuperare in questa generazione, e utilizzando alcune funzioni segrete del Dream Radar (provate a giocarci inserendo una cartuccia della quarta generazione…) permettono di sbloccare e catturare alcuni preziosi leggendari come Dialga e Lugia.

Inutile sottolineare come avere a disposizione queste risorse all’inizio di una nuova partita, possono dare un sapore tutto nuovo a Pokémon Bianco e Nero, permettendo ancora più libertà di gioco e personalizzazione del vostro party. Dream Radar, infatti, è un add-on assolutamente imperdibile se siete dei possessori di 3DS e state per lanciarvi nella prossima avventura ambientata ad Unova.

Il gameplay è molto semplice ed intuitivo, e benché il gioco non abbia nemmeno lontanamente la pretesa di rappresentare una sfida, colpire le nuvole e recuperare rapidamente i Dream Point dispersi dalla loro esplosione per inanellare combo e moltiplicare i punti ottenuti risulta tutto sommato divertente, e catturare i pokémon che schizzeranno da una parte all’altra dello schermo per sfuggire al vostro laser, se non altro vi farà bruciare qualcuna delle calorie di troppo accumulate a causa dell’inevitabile sedentarietà causata dall’uscita del seguito di Bianco e Nero.

radar-pokemon-3ds-eshop_006radar-pokemon-3ds-eshop_003

Per aggiungere spessore al gameplay, è presente una funzione di personalizzazione del Radar, le cui statistiche possono essere potenziate spendendo Dream Point, e inoltre accumulando questi ultimi si sbloccheranno delle istanze di ricerca speciali tramite cui potrete catturare alcuni leggendari speciali, ovvero le forme Therian di Landorus, Tornadus e Thundurus, impossibili da ottenere altrimenti.

Per evitare, però, che il giocatore abusi dei vantaggi offerti dal Dream Radar, sarà possibile andare a caccia di nuvole solamente ad intervalli crescenti di minuti (45, 70 e poi sempre di più in base al livello del vostro Radar), che potranno essere accellerati un paio di volte al giorno spendendo una manciata di Play Coin.

Dream Radar sarà disponibile a partire dal 12 ottobre per circa 3 Euro. Si tratta di uno strumento in grado di arricchire ed espandere in modo significativo l’esperienza offerta da Pokémon Bianco e Nero 2, e se siete dei fan della serie, non dovete assolutamente farvelo scappare. Malgrado Dream Radar sia individualmente un mini-gioco tutto sommato divertente e ben congeniato, se non avete in programma di acquistare il prossimo episodio della serie di Pokémon, potete ignorare il voto finale e considerare l’acquisto decisamente opzionale.

8.5
Commenti Sottoscrivi i commenti
  1. Pingback: Game Freak: “Espanderemo ulteriormente il mondo di Pokémon nel 2013″ - Wii Italia

  2. Rispondi

    [...] a marzo in Nord America. Anche i due titoli per eShop (Pokémon Dream Radar e Pokédex 3D Pro) risultano più contentini che altro, ed è per questo che l’attesa per la sesta generazione è sempre più [...]



Potrebbe interessarti anche...