Anteprima: Shin Megami Tensei IV

Longeva serie di punta della scuderia Atlus, Shin Megami Tensei ha sempre rappresentato l’antitesi dei rutilanti giochi di ruolo della concorrenza, come i Final Fantasy di Square; centellinata nel corso degli anni, arriva ora con il quarto capitolo in esclusiva su 3DS, a ben nove anni di distanza da Shin Megami Tensei III: Nocturne per PS2. Dopo il rilascio di un trailer che finalmente mostrava alcune fasi del sistema di gioco, la compagnia giapponese rivela nuovi dettagli attraverso una corposa anteprima della rivista Famitsu, in attesa della prima apparizione pubblica al Tokyo Game Show.

In primis, lo staff al lavoro sul titolo; se ne va Kazuma Kaneko, storico disegnatore della serie, per lasciare il passo a Masayuki Doi, già visto in Trauma Center; il suo tratto è chiaramente molto diverso, ma comunque interessante. Sempre dalla simulazione di operazioni chirurgiche per Wii e DS, arriva anche il compositore Ryota Kozuka, il cui tema principale ha già dato prova di essere un piacere per le orecchie. Altri membri del team sono il director Kazuyuki Yamai, l’art director Eiji Ishida, il capo-programmatore Satoshi Ooyama ed il direttore del suono Kenichi Tsuchiya; tutti quanti hanno già lavorato in precedenza per Shin Megami Tensei. Per quanto riguarda, invece, il design dei demoni (i nemici principali dell’avventura, e tra i punti cardine della serie), non si tratta del lavoro di un unico disegnatore, bensì di svariati artisti con esperienze molto diverse tra di loro; molti vengono dal mondo della televisione, dove hanno lavorato disegnando costumi e personaggi dei live-action di Kamen Rider.

Per quanto riguarda la trama, il teatro delle vicende sarà ancora una volta Tokyo (dopo la digressione nell’Antartico di Shin Megami Tensei: Strange Journey per DS), in uno scenario post-apocalittico dove i demoni hanno preso il sopravvento ed i superstiti cercano di sopravvivere come possono. Protagonisti saranno però cinque ragazzi provenienti da una città-fortezza medioevale chiamata Mikado dell’Est; l’eroe principale (senza nome e voce, come da tradizione), Jonathan, Walter, Navarre ed Isabeau vengono definiti Samurai ed indossano particolari armature dotate di una tecnologia che permette loro di fronteggiare le creature demoniache che stanno invadendo il Giappone; non è ancora chiaro se i personaggi verranno dal passato, oppure saranno semplicemente membri di una comunità isolata rimasta fedele alle usanze di secoli addietro. La loro missione, comunque, sarà di viaggiare verso Tokyo e fermare l’avanzata dei mostri dall’Inferno.

Viste le premesse, ci si può aspettare una trama dalle tinte dark, permeata da un’atmosfera opprimente ed un alone di mistero. Passando invece al sistema di gioco, l’esplorazione avverrà in terza persona, lungo dungeon ben studiati in maniera tale da non risultare affatto noiosi; vi saranno quindi trappole, enigmi, e si dovrà interagire con l’ambiente circostante sfruttando gli apparecchi elettronici dei protagonisti, ad esempio analizzando lo scenario o scovando oggetti nascosti. Le battaglie, invece, saranno in prima persona, ma questa volta i nemici saranno ben visibili sulla mappa, dando così al videogiocatore la possibilità di evitarli; dal trailer rilasciato, appare chiaro che tornerà il Press Turn System, già visto in Shin Megami Tensei III: Nocturne e negli ultimi Persona; di fatto, si sfrutteranno le debolezze degli avversari, difendendo le proprie, per guadagnare turni e quindi sferrare più attacchi; potrà accadere anche il contrario, e cioè vedersi rubare turni con mosse particolarmente furbe dei nemici.

Shin Megami Tensei IV sarà presente al Tokyo Game Show con un nuovo trailer, mentre Atlus conferma un’uscita nel 2013 in Giappone. Il gioco arriverà senza dubbi in Nord America, e si spera anche in Europa, magari attraverso Ghostlight. Sicuramente, trattasi di uno dei progetti più ambiziosi della compagnia dai tempi di Persona 4 e nonostante i fans non si aspettassero così tanti cambiamenti, le promesse per un gioco di ruolo di ottima fattura ci sono tutte.

Commenti Sottoscrivi i commenti
  1. Rispondi

    Mi manca già Kaneko, ma tutto sommato il signor Trauma Team è un artista con talento da vendere. Sono contento che Atlus stia dando spazio a nuovi artisti dopo decenni di Kaneko-tirannia. Dopotutto, se c’è una compagnia capace di sfrornare un altro Soejima, quella è proprio Atlus!


    • Rispondi

      Infatti! Posso capire chi è dispiaciuto non ci siano Kaneko o Meguro, ma design dei personaggi e musiche mi sembrano siano di ottima qualità, quindi ben vengano le nuove leve!


  2. Rispondi

    Confido in ghostlight.


  3. Rispondi

    Ahah hey comunque il tipo coi capelli cotonati somiglia a Lucio Battisti XD


  4. Rispondi

    Io boccio a priori Final Fantasy!!! L’unica cosa che mi è piaciuta riguardo quella saga è stato il film d’animazione (che oltretutto non è attinente alla trama dei videogiochi)… Questo Shin Megami Tensei, che non conoscevo, sembra molto più interessante.


  5. Rispondi

    bello speriamo sia localizzato


Lascia un commento

Devi effettuare l'accesso per lasciare un commento.


Potrebbe interessarti anche...

Recensioni dei lettori 3DS

Tutte le recensioni dei lettori