Wii U: immaginazione al potere – Parte 1

Esperienze single player: Mario Kart / Sega All-star Racing

Per i racing game, soprattutto quelli Arcade come Mario Kart, al di là delle possibilità di gioco multiplayer allargato a 5 giocatori in locale già di base e all’online, è possibile immaginare diversi usi anche per il single player. Infatti, da un lato i giroscopi permetteranno di guidare in stile Wii, muovendo il pad come fosse un volante; dall’altro questa volta potremo usufruire anche della seconda area informativa per alleggerire lo schermo TV e mantenere sott’occhio mappa, posizione avversari, inventario a nostra disposizione e arrivo dei colpi avversari tramite il Pad. E perchè non immaginarsi anche la possibilità di usare il Controller come specchietto retrovisore o la possibilità di gestire inediti Pit Stop tramite minigiochi QTE a pressione sul touch?

Esperienze single player: Warioware

Forse non esiste franchise migliore di Wario Ware per esprimere le possibilità di interazione offerte dalle nuove console Nintendo. Tra doppi schermi e sensori di movimento, le incarnazioni DS e Wii di questo brand hanno sapientemente illustrato in maniera frenetica, divertente e irriverente le potenzialità di quegli hardware. Perchè allora non immaginarsi una nuova incarnazione, legata ai rapidissimi minigiochi al fulmicotone in grado di mettere alla prova i nostri riflessi motori e cognitivi tramite usi bizzarri e inaspettati del nuovo Pad. Muoversi a ritmo, inquadrare aree al di fuori della TV, sovrapporre la finestra del touch alla TV e mille altre sono le possibiltà per Wario Ware di farci impazzire con i suoi ludici balletti.

Esperienze single player: Professor Layton / Hotel Dusk

L’affinità tra alcune delle possibilità di gioco del Wii U e quelle mostrate da DS e 3DS sono evindenti, e sono legate alla doppia superficie di visualizzazione dati e all’uso del pennino. Come non augurarsi allora lo sviluppo di giochi a enigmi, come i famosi franchise visti su portatile o, perchè no, un seguito dell’ottimo Zack & Wiki, dove il Pad possa diventare sia l’area di interazione di alcuni puzzle, che un taccuino dove prendere appunti per seguire particolari della trama, segnarsi indizi e annotare informazioni cruciali per la risoluzione di rompicapo e la prosecuzione della trama?

Esperienze single player: Metroid

Metroid potrebbe essere forse il miglior titolo per mostrare innanzitutto il balzo grafico generazionale che Nintendo si appresta a fare con la nuova console. Eppure, pur confermando la perfetta sintonia tra i comandi tramite Remote (puntatore) e il genere Fps della saga Prime, non possiamo non immaginare questo brand come esemplificativo anche degli svariati usi possibili della nuova periferica di interfaccia. Chi ha già avuto modo di perdersi nei meandri dei pianeti alieni protagonisti delle avventure di Samus (soprattutto negli episodi figli del lavoro di Retro Studio) non può che agognare la possibilità di avere una mappa sempre visibile sul touch screen, per orientarsi nelle lunghe e complesse “passeggiate” di backtracking tipiche della serie, come prima cosa. Ma, cosa ancor più coinvolgente, se il Remote trasformò la nostra mano nel Braccio Cannone della cacciatrice di taglie spaziale Aran, il nuovo Controller potrebbe trasformare i nostri occhi nei suoi innumerevoli visori. Alzando il Pad all’altezza della TV, sarebbe possibile passare dalla visuale normale mostrata a schermo a quella di uno dei tipici filtri visivi del brand guardando dentro alla finestra sul mondo virtuale di gioco offerta dal touch screen della periferica. Scansioni di elementi nascosti, analisi dei punti deboli dei nemici, individuazioni di diverse fonti di calore e mille altre cose aspettano solo di essere scoperte dalla nostra particolare visiera spaziale.

Esperienze multiplayer locali: Battalion Wars

Una delle grandi novità offerte dalla nuova home Nintendo è poi quella del multiplayer locale asimmetrico. Al di là infatti della possibilità di allargare il gioco in salotto a ben 5 giocatori contemporaneamente (4 Remote + un Nuovo Controller), l’elemento più significativo risulta essere proprio quello di avere diverse interfacce con cui interagire con il mondo di gioco. Un esempio di quello che sarebbe possibile fare, potrebbe essere quello del franchise di strategia in tempo reale Battalion Wars. Da un lato, come visto anche in Killer Freaks, sarebbe possibile avere un giocatore che combatte a schermo con la solita inquadratura alle spalle delle sue truppe, mentre l’altro tramite l’interfaccia del Pad comanda il suo esercito in maniera meno action e più strategico-gestionale.

Esperienze multiplayer locali: PES / FIFA

Sempre insistendo sul multiplayer asimmetrico, sarebbe interessante immaginarsi un gioco di calcio simulativo in cui più giocatori si muovono sul campo di gioco in maniera classica, mentre un altro gestisce la squadra in maniera più gestionale, tracciando sul pad linee di movimento, passaggi e indicazioni di tattiche come su Wii tramite puntatore. Il tutto al di là del poter gestire la visuale del campo come una mappa interattiva, ovviamente. In questo modo sarebbe possibile unire le novità introdotte da PES Playmaker su Wii, integrandole con modalità di fruizione più classiche da parte degli altri giocatori. Allenatore e giocatori si troverebbero in pratica a dover collaborare attivamente sul campo di gioco, come in una partita vera!

Esperienze multiplayer locale: Dark Souls / Demon Souls

Il gioco di ruolo, o RPG, è da sempre uno dei generi più diffusi presso il pubblico di appassionati di videogiochi, eppure non è quasi mai stato in grado di restituire con convinzione una delle caratteristiche più importanti dei GdR classici da cui è mutuato: quello della presenza di un Master dinamico, dotato di approcci e strumenti diversi al gioco stesso. Ed ecco che proprio nel concetto di asimmetria su Wii U potrebbero trovare spazio produzioni dall’ambientazione fantasy in cui svariati giocatori spostano il proprio avatar in cerca di tesori o nemici da sconfiggere, all’interno di intricati e pericolosi labirinti, mentre il Master, in possesso del nuovo Controller, potrebbe generare ostacoli-nemici-armi gestendo la visuale del mondo tramite il touch screen, finestra diversa sullo stesso mondo di gioco.

Conclusione

Alla fantasia, lo sappiamo tutti, non c’è limite. Nel prossimo articolo proveremo ad immaginare anche altre curiose possibilità di gioco e interazione, legate alla connessione web fruibile dal nuovo controller e alla tecnologia NFC.

Con la speranza di aver stuzzicato la vostra fantasia vi invitiamo ad esprimere le vostre idee. Avete in mente qualche altro uso originale, in grado di rendere l’esperienza di gioco con Wii U unica? A voi la parola!

Wii U: Immaginazione al potere – Parte 2

This entry was posted in Articoli and tagged . Bookmark the permalink.

36 Responses to Wii U: immaginazione al potere – Parte 1

  1. deveroos says:

    Bellissimo articolo… E moltissime idee che spero verranno sfruttate!

    Per gli strategici ed i tattici, il pad è in effetti una manna dal cielo; spero che un Fire Emblem venga al più presto sviluppato, ma anche un Advance Wars, che manca da troppo tempo!

  2. Zorgio92 says:

    l’idea di Dark Soul/Demon Soul mi intriga parecchio, ti sei ispirato a Dungeon & Dragon per caso? xD

    Poi beh, Metroid sembra fatto apposta per il Wii U, speriamo di vedere qualcosa già all’E3!

    PS: nel pezzo di Metroid hai messo un immagine di Mario Kart ;)

    • Alessandro Costantino says:

      Corretto!

    • Rhaxs says:

      Beh non son prorpio i due titoli adatti per simulare il Master…sarebbe stato meglio un riferimento a Dungeon Keeper visto che ci si riferisce alla realizzazione di ostacoli/tesori/etc. Nei due DS si tratta “solo”di esplorare a conti fatti.
      bell’articolo btw…

  3. destiny64 says:

    bell’articolo.

  4. Giuseppe Gaudiano says:

    Bell’articolo. Mi permetto ti aggiungere qualche altra idea: un gioco di guerra, il giocatore deve abbattere aerei e elicotteri con la contraerea. Usando la funzione del giroscopio, il giocatore sposta il controller verso l’alto, come se stesse guardando il cielo, e sullo schermo del controller appare il cielo con gli obiettivi da abbattere.
    Mi piacerebbe molto che ci sviluppassero uno Yu-Gi-Oh! su Wii U. La fase dei combattimenti si potrebbe svolgere nella stessa maniera di come è riportato nell’articolo per quanto riguarda Fire Emblem/Advance Wars.

    • Giuseppe Gaudiano says:

      E, sempre in un gioco di guerra, usare un bombardiere. Durante la fase di bombardamento sul controller viene riportata una vista dall’alto. Così da avere la stessa visuale del pilota.

  5. darksephiroth says:

    beh le idee possono essere tantissime, anche se temo che alcune siano un po’ difficili da vendere.
    Alcune sono molto interessanti, mentre altre mi sembrano solo un ‘abbellimento” più che un’innovazione vera e propria del gameplay. Mi interessano molto quelle che combinano l’immagine sui due schermi, tipo l’esempio che hai fatto su sniper ghost, anche se ricordo di aver provato un gioco simile parecchi anni fa in una sala giochi, dove sullo schermo classico si vedeva la scena normale e poi sul fucile era montato un visore per vedere con lo zoom. Era una figata insomma :D Stiamo a vedere

  6. Sheykan says:

    gli usi possono essere svariati…ma tutti riconducibili al mondo touch che già è uscito fuori sui tablet…quindi fin qui “nulla” di originale. Io spero in una integrazione massima del doppio schermo…dunque uso “occhio della verità” per scovare con il pad aree segrete altrimenti non visibili, l’uso della fotocamera per mandare alla TV la propria immagine da cartoonizzare o magari nei punta e clicca dover andare in giro per casa (che sul controller apparirà la stanza no nostra ma del gioco) a fotografare oggetti che poi vedremo sulla TV dove invece sarà presente un’immagine fissa o un video…immagino un poliziesco dove mentre il ns collega parla con gli indiziati sulla scena del crimine (e noi avremo l’audio ritrasmesso dal pad) noi andiamo “in giro” per casa a fotografare quello che dobbiamo cercare o che potrebbe esser utile, poi torniamo davanti la tv e trasmettiamo le immagini al ns collega.

  7. FaxVakWii says:

    Bello bello bello.
    Di idee ce ne sono a bizzeffe, quella su Dark Souls mi è piaciuta molto, quella su PES si potrebbe far passare anche al single player, e il brain training per WiiU penso sia praticamente sicuro, forse anche al lancio.

    Un’altra cosa che sarebbe interessante, ma che magari è folle, è l’uso combinato in single player di Wiimote e Paddone.
    Penso ad un Wiizapper con il paddone montato sopra, per trasformare il proprio salotto in un vero campo di battaglia e poi giù di fps, oppure per uno Zelda, un “bracciale” per attaccarsi il Paddone al braccio sinistro, con Wiimote e nunchuck nelle mani, con la mano sinistra controlli la visuale e la spada, con la destra i movimenti e per usare lo scudo devi mettere davanti a te il braccio destro!

  8. Merlinux says:

    Belle idee :)
    Io pensavo anche ad un gioco cooperativo a 2, in cui un giocatore interagisce in maniera classica con la tv, mentre l’altro usa il nuovo controller.
    Potrebbe essere un gioco di guerra aereo, ambientato nella I o II guerra mondiale, in cui i giocatori pilotano un biplano: uno fa effettivamente il pilota dell’aereo, mentre l’altro, con il pad, controlla le mitragliatrici, girandosi intorno per sparare anche ai nemici alle spalle.

    La stessa meccanica si potrebbe anche usare in uno Star Fox oppure in un Mario Kart, in cui il secondo “pilota” spara gli item agli avversari usando il pad.

    Inoltre avevo letto che sarà possibile usare fino a 2 paddoni contemporaneamente. E qui le idee si moltiplicano ancora di più :)

    • FaxVakWii says:

      L’uso del doppio paddone è davvero interessante:
      Dalla classica sfida 1vs1 con la differenza che uno non vede cosa fa l’altro, alla possibilità di dividersi in due squadre in un qualche gioco, ognuna con due wiimote ed un paddone, con quest’ultimo che cerca di favorire la sua squadra e eliminare l’altra inserendo power up/ostacoli sul cammino, e penso rispettivamente a un fire emblem e a un dungeon crawler “all’antica”.
      Poi voglio vedere qualcuno con un po’ più di fantasia!

    • Zorgio92 says:

      su Mario Kart potrebbe rispolverare l’idea di Double Dash per GC, ma con un gameplay asimmetico, uno guida e l’altro spara ecc

  9. Ivaizen says:

    articolo molto bello! spero vivamente che molte idee vengano sfruttate
    ad esempio in un tomb raider si potrebbe fare che per risolvere alcuni enigmi devi usare esclusivamente il pad(nulla di che ma è un’idea carina)
    l’idea del dungeon master è fantastica! sarebbe un gioco praticamente infinito dove crei dungeon mondo e situazioni!

    io spero in tanti giochi all’E3 che confermino queste possibilità

  10. wiiniano says:

    Altra idea potrebbe essere nei giochi di simulazione di guida. Invece di avere uno schermo condiviso, un pilota potrà visualizzare il televisore, l’altro potrà giocare direttamente sul pad. Oppure dal box, un giocatore potrà visualizzare lo stato dell’ automobile, l’usura delle gomme, la benzina ancora presente nel serbatoio e comunicare al player principale quando fare il prossimo pit-stop. Bell’articolo comunque complimenti. L’attesa va a mille…

  11. arkanim94 says:

    Gran bel articolo.

  12. bariok says:

    Bell’articolo, mi aspetto pure F-zero e Wave Race su WiiU

  13. DKMEGA says:

    Bellissimo articolo. Io avevo immaginato che nel prossimo smash bros ci sarebbe potuta essere una modalità sfida i boss competitiva, in cui 4 giocatori cercano di sconfiggere il boss, mentre quello col pad decide i suoi spostamenti e sceglie e direziona i suoi attacchi (che magari necessitano di energia per essere effettuati, tale energia va raccattata in maniera simile a piante contro zombie).
    Per Mario avevo pensato che sarebbe stato possibile finalmente implementare un multiplayer “vero” (uno controlla mario, l’altro luigi), grazie alla possibilità di avere 2 schermi, quindi niente fastidioso split screen o problemi di telecamera, oltre alla possibilità di utilizzare i poteri dello sfavillotto di galaxy in single player grazie al touch screen.
    Riguardo a Zelda le possibilità sono innumerevoli, oltre al già citato supporto per attaccarsi il pad al braccio per controllare lo scudo, avevo pensato che si sarebbero potuti scegliere gli oggetti tramite delle piccole icone, ma soprattutto, combattere con il touch screen: quando un nemico viene agganciato e la spada estratta, lo schermo del pad mostra la scena dal punto di vista di link e la spada va controllata tracciando linee e punti (per i fendenti e gli affondi) con il dito, mentre disegnando un cerchio rapidamente si ottiene un attacco rotante, invece scuotendo quando un nemico è a terra avviene il colpo di grazia, ad esempio un nemico con l’elmo che protegge un occhio potrebbe essere sconfitto o riempiendo di fendenti il suo corpo, oppure colpendolo alla testa, facendogli cadere l’elmo, per poi toccargli l’occhio in modo da trafiggerlo.
    Grazie all’interazione tra 2 pad inoltre sarebbe possibile fare un pokèmon classico per home console, con multiplayer locale a 2 giocatori.

    • Rhaxs says:

      Cioè tu giocheresti guardando TUTTO IL TEMPO il paddone…ma a ‘sto punto a che serve avere la console collegata alla tv scusa?
      Parli di Super Mario e alla possibilità di avere 2 schermi senza split screen (quindi ti riferisci al paddone), per Pokemon ti riferisci al multiplayer locale come se il paddone fosse la console e non il controller..boh, o ho capito male io oppure…

    • DKMEGA says:

      Chiaramente no, concordo che dal televisore è molto più comodo ma in caso di multiplayer asimmetrico, o in alcune sezioni di gioco credo si possa fare, non capisco il problema.
      Per mario intendevo che un giocatore guarda dal televisore e usa lo wiimote, mentre l’altro guarda solo dal proprio pad, mentre per pokèmon intendo che i “filmati” dovrebbero avvenire nel televisore, mentre la scelta delle mosse, oggetti, controllo stats, switch si userebbero i pad (si dovrebbero usare le SD per trasportare i dati, o una cosa del genere)

  14. tapion says:

    bah a me non stupisce come innovazione alcune idee che avete detto mi sembrano delle funzioni che fa il 3ds, come dice giuseppe gaudiano usare la funzione giroscopio per visualizzare su schermo i bersagli ecc beh mi ricorda zelda oft con la funzione fionda… bah mi aspetto qualcosa di più particolare…

  15. Oddghiso says:

    ahhhhhhhhhh fire emblem per wii u ,è super fantastico, sarà mio!

  16. Sasshi says:

    Bell’articolo con molte idee interessanti e innovative che spero tanto vengano sfruttate a dovere.

  17. galilee says:

    X Rhaxs

    Boh, alcuni si esaltano per delle cose che personalmente non tengo nemmeno in considerazione. Magari la mia cuginetta che fotografa tutti col 3DS per poi farli esplodere, riterrebbe la cosa più interessante.
    Anyway l’articolo è gustoso.

  18. Salveti says:

    Beh, non ingannatevi troppo, è solo un’immaginazione, scommetto che faranno molto di più con il Wii U, io spero anche che nella Virtual Console metteranno anche i giochi Gamecube

    • aquil100 says:

      probabile, nel wii non li hanno messi perchè era retrocompatibile, quindi aveva poco senso.

  19. KeccoGbr says:

    Io ho paura di dover impiantarmi un terzo occhio per dover guardare contemporaneamente il pad e la tv, ditemi che non andrò in sala operatoria per favore.

  20. aquil100 says:

    quando esce la seconda parte?

  21. fedyfausto says:

    mi sto seriamente preoccupando di questa console (prima UE 4 era previsto ora no, prima metro era previsto, ora no)

  22. Melancholy Player says:

    Son contento che vi sia piaciuto. La seconda parte arriva tra pochi giorni, comunque prima dell’E3 ufficiale! Altrimenti poi chissenefrega dei giochi “immaginari”, quando ci saranno quelli veri! :D
    Alcune idee sono solo bozze, ovviamente, e non si pretendeva di saper lavorare meglio di professionisti del settore, di certo comunque anche solo questi usi incuriosiscono molto, rispetto a un normale pad di interfaccia di gioco!
    Speriamo sappiamo stupirci ma, soprattutto…divertirci!!!

  23. Momo87s says:

    Bell’articolo complimenti, anche se alcune cose spero di non vederle mai! Altri invece me auguro proprio

  24. sharon says:

    gia bellissimo wiiu ma e portatile o
    arkanim94