Colors! 3D: la recensione

Dagli homebrew all’eShop

Colors 3D potrebbe sembrare uno spreco di soldini (costa solo sei Euro) per chi non ha la minima idea di come si tenga in mano un pennello, ma se avete anche un pochino di interesse per il disegno, non solo questa app si rivela facilmente un ottimo software da portare sempre con se per disegnare in ogni momento e situazione, ma anche un potente strumento per imparare semplicemente…osservando quel che gli altri artisti sono in grado di fare!

Il team di sviluppo, infatti, non contento di dedicarsi alla creazione del software, gli ha anche saggiamente cucito attorno una ricca comunity, che permette agli utenti di esplorare gallerie analizzare i disegni grazie all’utilissima funzione di playback, creare una lista di preferiti e commentare gli altrui lavori.

La galleria è inoltre cross-platform, ovvero permette di visitare le submission di utenti in possesso, ad esempio, della versione iPhone e iPodTouch del software.
Non solo queste funzioni sono accessibli dal 3DS, ma anche dal sito www.colorslive.com sul quale basta registrarsi ed effettuare l’accesso per commentare anche senza aver acquistato il software.
Considerando che Colors è facilmente reperibile su homebrew DS, l’acqusito dall’eShop è sopratutto un modo per supportare il team che dal 2007 continua ad offrire questo incredibile servizio all’utenza degli iDevice e dei portatili Nintendo.

colors-3d-3dsware_004colors-3d-3dsware_003

Ovviamente, non si tratta di fare semplicemente una donazione.
Colors 3D è un software di tutto rispetto e dotato di caratteristiche uniche e stupefacenti, che sfruttano in modo intelligente quella che è senza dubbio la principale tra le caratteristiche del giovane handheld, ovvero il 3D stereoscopico.
Colors permette infatti di disegnare su 5 diversi layer, che possono essere utilizzati sia per “sketchare e colorare” come avviene con altri software quali i comunissimi Paint Tool Sai o persino Photoshop, che per donare profondità al disegno.

Una volta completata la propria opera d’arte, infatti, basta selezionare la profondità del 3D desiderata utilizzando lo slider e caricare il file sul sito e…voilà: gli altri utenti 3DS potranno godere della tridimenzionalità che avete pensato per il vostro piccolo capolavoro.
E’ anche possibile importare il disegno sulla propria SD e spedirlo agli amici via Swapnote/Nintendo Letterbox!

Preciso ed accessibile

Il software è semplicissimo da usare, in special modo grazie al touch screen 3DS e al pennino, che rispondono con precisione ed immediatezza agli input del “giocatore; i numerosi strumenti a disposizione permettono di emulare senza alcun problema qualunque tipo di stile di disegno potreste realizzare con il vostro PC, a patto ovviamente di dedicare un pò di pazienza e spirito di sacrificio ai due schermetti del 3DS.
A dimostrazione di ciò, ecco cos’è stato capace di fare il sottoscritto alle prese con Colors 3D per la prima volta, in una sola mezz’oretta.

Non lasciatevi però ingannare dallo stile semplicistico: fatevi un giro nella sezione “Best of the Week” e preparatevi a perdere la mascella.

Per ovviare alla mancanza di opzioni disponibili usando un PC o semplicemente media reali, il software è equipaggiato con un utile sistema di shortcut che fa uso di pulsanti dorsali per annullare una modifica e richiamare il set di tre pennelli, eraser (tutti personalizzabili utilizzando un semplice sistema di slider) e paletta cromatica, mentre il d-pad serve a modificare la pressione del pennello e copiare velocemente i colori già presenti sulla tavola.

Cosa manca?

colors-3d-3dsware_005Le uniche mancanze di quest’edizione di Colors sono l’impossibilità di spostare, tagliare e incollare elementi del disegno, opzione che sarebbe stata particolarmente utile per gestire al meglio l’effetto 3D.
Si tratta di poco più di un capriccio, perchè dopotutto “trucchetti” di questo genere sono praticamente impossibili quando si usano carta e penna veri.
Pensate a colors come una versione avanzata delle apprezzatissime Oekaki board o Tegaki.

Sulla falsariga delle opzioni di networking di programmi come Open Canvas, poi, Colors 3D permette di disegnare in compagnia di amici, ma ahimè solo utilizzando la connessione locale. Queste artjam sono ovviamente divertentissime, a patto che abbiate un giro di conoscenze in grado di star dietro al vostro incredibile senso artistico!

A regola d’arte…

In conclusione, Colors 3D è una delle applicazioni più interessanti mai apparse sull’eShop, ed è uno di quei software capace di rendere ancora più unica la console Nintendo.

Se siete artisti provetti o affermati, l’acquisto è consigliatissimo.

Avere uno sketchbook di questo calibro con funzioni di community avanzatissime da portarsi sempre dietro è, per gli appassionati di arte digitale, come un sogno che si avvera.

9.0
Commenti Sottoscrivi i commenti
  1. Rispondi

    deveroos

    12.54 pm

    Ottima recensione, Gaz!
    Tra l’altro, vedendo alcuni disegni sul sito davvero viene da chiedersi quante possibilità un software del genere possa offrire!

    Per precisione, la versione iOS costa 2 euro in meno, ma credo che il 3D e la possibilità di usare comodamente un pennino siano valori aggiunti che giustificano il prezzo.


  2. Rispondi

    Quindi l’immagine che si esporta è grande 854×512?


    • Rispondi

      Elinvention

      3.16 pm

      No, è possibile scegliere tra 800×400 e 1600×960. Questo perché l’immagine può essere ingrandita e quindi deve avere una risoluzione pari o maggiore a quella dello schermo.


  3. Rispondi

    ho visto certi disegni e sembra impossibile che siano fatti a mano


    • Rispondi

      Nella recensione non viene menzionata l’opzione che permette di usare una foto scattata col 3DS, come sfondo su cui disegnare. A fine disegno, o quando ci pare, si può togliere la foto (anche perché non si può condividere nella community un disegno che abbia incorporata una foto, per questione di privacy).
      Inoltre, nel playback di quel disegno non comparirà la foto. Quindi se l’autore del disegno non ammette di aver usato una foto come guida, sembrerà che credi un disegno fantastico dal nulla.

      Anche se comunque bisogna essere proprio bravi per colorare un disegno e dargli le giuste sfumature


    • Rispondi

      Piccola aggiunta:

      Invece in Art Academy la foto la si può usare solo come riferimento (e non disegnarci sopra). Quindi si avrà sullo schermo superiore la foto e su quello inferiore il disegno. Al limite permette l’aggiunta di una griglia per facilitarci nel disegno.

      Mentre in Colors 3D si può disegnare direttamente sulla foto, come se fosse una copia fatta con foglio lucido


    • Rispondi

      deveroos

      3.55 pm

      Sarà, ma un’opera come questa: http://colorslive.com/details/82898-Jill_Valentine_by_karl_nic.php anche se copiata sopra un’immagine, richiede grande abilità.


  4. Rispondi

    *Input :D

    (Riga 2 del 2° paragrafo :) )


    • Rispondi

      hahaha troppo Lol, speriamo che non avvenga mai però altrimenti l’incubo “call of zelda” diventerà realtà:D


  5. Rispondi

    mmm bellino, e costa così poco, a me art academy è piaciuto, se lo becco in un negozio lo compro sicuramente.


Lascia un commento

Devi effettuare l'accesso per lasciare un commento.


Potrebbe interessarti anche...

Recensioni dei lettori 3DS eShop

Tutte le recensioni dei lettori