I primi DLC da Nintendo arriveranno su 3DS con Fire Emblem

Nonostante i proclami di Iwata e soci contro una delle pratiche odierne più in voga nel mercato di videogiochi, pare che la compagnia di Kyoto abbraccerà molto presto la filosofia dei DLC (ovverosia, i contenuti scaricabili che arricchiscono di nuovi livelli, tracciati e quant’altro un titolo); Nikkei riporta infatti che dal prossimo marzo Nintendo sfrutterà questa opportunità con il 3DS in vista del lancio del nuovo capitolo di Fire Emblem, a questo punto previsto proprio per primavera 2012 in patria. La fonte della nota testata giapponese comunica però che questi contenuti (molto probabilmente missioni, visto il genere in questione) saranno a pagamento, il che garantirebbe sicure entrate ma anche qualche malcontento, nonostante il costo di ogni elemento aggiuntivo si aggirerà sui 100 yen (meno di un euro); si spera quindi che l’azienda di Mario e Zelda continui in ogni caso a proporre titoli completi e di qualità, e sfrutti i DLC per espanderli senza precludere alcunché a chi ha pagato il prezzo pieno da listino. Ovviamente, anche le terze parti sono pronte a proporre DLC su 3DS dal prossimo anno, e probabilmente gli estremi della questione verranno ben specificati durante il Nintendo Direct di domani.

Fonte: Nikkei

Commenti Sottoscrivi i commenti
  1. Rispondi

    Trovo sia un’ottima notizia, sinceramente.
    Espandere giochi, specialmente di questo tipo, è sempre un’idea vincente. Ed è giusto farlo a pagamento.
    Prima di lanciarsi in drammatici monologhi, aspettiamo di vedere qualcosa in più (costo dei dlc, quantità, in cosa consistono).
    Mi aspetto qualcosa alla Valkyria Chronicles, sinceramente.


    • Rispondi

      deveroos

      8.07 pm

      Concordo. E sono abbastanza fiducioso sul fatto che Nintendo non se ne approfitterà come alcune compagnie hanno fatto e stanno facendo (Capcom, ad esempio).

      Mettendo dei DLC sui tracciati di Mario Kart potrebbe guadagnare fior di quattrini!


    • Rispondi

      Oppure DLC sui personaggi di Super Smash Bros. 3D/Universe.


    • Rispondi

      Ma pensa, col cambio attuale 100 yen sono meno di un euro, ma quando arriveranno in Italia verrà a costarci più di un euro…
      L’euro vale più del dollaro, e ci viene a costare il 3DS a 259 euro quando in America lo vendono a 249 dollari…
      Non sono d’accordo su questa idea dei primi DLC a pagamento, specialmente su Fire Emblem, se erano quest da giocare online andavano bene che siano a pagamento, chi ha l’abitudine di giocare MMORPG mi capirebbe…


  2. Rispondi

    Aspetta un attimo,Fire Emblem uscirà a marzo,credo che spenderò più a marzo che nel periodo festivo.Comunque meno di un euro lo trovo veramente poco.


    • Rispondi

      sperando che quell’euro circa non sia per ogni singolo contenuto, il che risulterebbe sciocco oltre che drammatico


    • Rispondi

      Meno di un euro si parla di cambio valuta…
      Non è che una cosa in Giappone costi 100 yen all’estero dovrebbe costare per forza uguale seguendo il cambio valuta…


  3. Rispondi

    finche fanno dlc a pagamento con contenuti tipo abiti, personaggi extra e altre cose superflue ok ma se mi devono fare con fece la ubisoft con assassin’s creed 2 che misero in dlc due capitoli della storia principale allora non va bene


  4. Rispondi

    Io non prenderò FE, ma sicuramente Nintendo addotterà questa politica anche in altri giochi. Spero come tutti che i DLC siano solo per aggiungere qualcosa al gioco, e non completarlo (perchè già completo dev’esserlo).


  5. Rispondi

    Ma questo FE è già annunciato per l’Europa, oppure è solo per il Giappone, al momento? ><


  6. Rispondi

    ma nn è stata proprio nintendo 1 mese fa a dire che nn farà mai dlc a pagamento?? mah….almeno nn lo avessero detto..così si rendono ridicoli dai!XD


    • Rispondi

      Hanno capito di aver detto una cavolata, in pratica… XD Nessuna azienda sana rinuncerebbe a un metodo sicuro e veloce per arrotondare i guadagni.


  7. Rispondi

    Scusate ragazzi, ma le lettere della sigla DLC per cosa stanno?


  8. Rispondi

    Ok ci ritroveremo a sborsare milioni per ottenere tutto l’equipaggiamento di Link… A Link to the Bank


  9. Rispondi

    Ragazzi, qui si fa confusione con l’infausto sistema dell’In-App purchase adottato sull’app store dell’phone e sui giochi-minchia di facebook. In quel caso si tratta non di contanuti di gioco, ma di elementi singoli necessari per proseguire nel gioco (nella maggior parte neanche a terminarli, dato che sono volutamente senza fine).
    I DLC, per come sono intesi nel mondo PC e Console, si distinguono da detti in-app purchase perchè presentano estensioni del gioco di base; tradotto significa intere missioni e capitoli extra. In quest’ottica è ragionavole chiedere un compenso. Gli in-app purchase, invece, sono sistemi succhia soldi, meccanismi che spingono a pagare per avere Items o energia in più, che si esaurirebbero durante il corso della giornata; un sistema patatico che contemporaneamente uccide il gameplay


    • Rispondi

      deveroos

      2.43 am

      Beh, ma poi ci sono esempi come Prince of Persia, dove l’azienda produttrice rilascia come DLC a pagamento componenti che sarebbero dovute essere presenti nel gioco sin dall’inizio…


  10. Rispondi

    Mah,dipende tutto da che tipo di DLC ci proporranno. E’ un pò presto per criticare/gioire ma se si tratta di mappe extra lo spendo volentieri un euro o poco più.

    Piuttosto, ce la danno ‘sta conferma per questo Fire Emblem in Europa o no? Sono un grande fan della serie.


Lascia un commento

Devi effettuare l'accesso per lasciare un commento.


Potrebbe interessarti anche...

Recensioni dei lettori 3DS

Tutte le recensioni dei lettori