3DS e realtà aumentata: le novità dalla conferenza Nintendo

Il 3DS è una console dalle innumerevoli caratteristiche, poiché ingloba quanto introdotto 7 anni fa dal DS (microfono, doppio schermo, touch screen) in un apparecchio capace di riprodurre un 3D stereoscopico senza l’uso di occhialini di sorta, di sfruttare il movimento del videogiocatore attraverso i giroscopi e di scattare fotografie tridimensionali grazie alle due fotocamera frontali; Nintendo sta premendo molto affinché le terze parti utilizzino ogni singolo aspetto della console, ed essa stessa cerca di sfruttarle nel migliore dei modi. Ad ora, la possibilità sicuramente più interessante che fa largo uso di questi meccanismi è la realtà aumentata, implementata in Nintendogs + Cats e pronta ad invadere i titoli di prossimo arrivo, come è stato confermato durante l’odierna conferenza di Nintendo.

Delle carte collezionabili di Kid Icarus Uprising si conosceva l’esistenza già dallo scorso E3, ed ora viene confermata l’intenzione di continuare questo progetto interattivo; ognuna delle 20 carte che saranno rese disponibili all’uscita del gioco in questione (non si sa ancora per quale via distributiva) avrà raffigurato un personaggio od un nemico che prenderà vita una volta inquadrato dalla fotocamera del 3DS; si avrà così modo di farle interagire tra di loro con conseguenze inaspettate o previste a seconda del match scelto, oltre a permettere di sbloccare armi ed oggetti segreti. Un altro titolo prodotto da Nintendo (ma sviluppato esternamente, da Tecmo Koei in questo caso) sfrutterà la realtà aumentata, tuttavia non in maniera marginale come in Kid Icarus bensì come componente fondante del sistema di gioco: Spirit Photography, spin-off della famosa serie di survival horror Fatal Frame, uscirà in bundle con un taccuino, l’oggetto dell’indagine dei protagonisti nell’avventura principale. Il trailer mostra chiaramente come, inquadrando le diverse pagine del diario maledetto, compaiano scritte inquietanti e veri e propri demoni, da combattere attraverso la macchina fotografica in dotazione nel videogioco, ovverosia la fotocamera esterna della console; l’idea sembra davvero promettente e porterà il genere letteralmente in una nuova dimensione.

New Love Plus, il simulatore di fidanzata virtuale di Konami atteso per dicembre in Giappone, oltre a sfruttare la fotocamera interna per il riconoscimento facciale, utilizzerà gli obiettivi esterni per far materializzare la propria ragazza sul divano di casa (o sul letto, perché no?) e magari presentarla ai propri genitori, come una modalità del gioco richiede. Il grado di interazione tra macchina ed utente in questo caso ha raggiunto livelli altissimi, e non potrà che far felici gli otaku giapponesi. Rimanendo in tema, la vocaloid più celebre del mondo, Hatsune Miku, apparirà su 3DS in versione super deformed con Project Future, dove sarà possibile organizzare i suoi concerti per poi farli eseguire direttamente sulla scrivania della propria camera, piazzandoci sopra una carta della realtà aumentata. Il concetto è interessante, nonostante sia fine a se stesso se non verrà utilizzato durante le fasi di gioco, che richiederanno la pressione dei tasti a ritmo di musica.

Persino Square Enix si è prodigata nell’implementare la realtà aumentata in uno dei suoi titoli; Bravely Default, infatti, definito come un classico gioco di ruolo (e dallo stile lo si evince benissimo) sfrutterà delle speciali carte per alcune funzioni non meglio precisate. Chi è in possesso di un 3DS giapponese potrà già da ora scaricare un’applicazione dall’eShop che permetterà di avere un assaggio di quanto sta progettando la compagnia giapponese, attraverso un filmato che mostra la ragazza degli artwork prima comparire poi scomparire da una voragine, dopo aver girovagato spaesata sul luogo dove sarà posizionata la riproduzione della carta (come i colleghi di Siliconera hanno ben documentato).

E’ davvero lodevole come anche le terze parti stiano cercando di contribuire al successo del 3DS inserendo nei loro titoli di punta funzioni meno convenzionali del solito; non solo StreetPass e gioco online, quindi, ma anche la realtà aumentata, che può fungere da orpello grafico da mostrare agli amici ma che si può rivelare decisamente interessante se ben inserito nelle meccaniche di gioco. Nintendo dal canto suo sa cosa deve fare al più presto in questo ambito: inizia per P e finisce per okémon…

This entry was posted in Articoli and tagged . Bookmark the permalink.

9 Responses to 3DS e realtà aumentata: le novità dalla conferenza Nintendo

  1. frenci says:

    concordo!!! sono curioso di vedere cosa si inventeranno con il nuovo pokèmon!!

  2. serpex says:

    Forse qualcosa di simile a quanto visto in Invizimals, dove cerchi i pokemon per casa inquadrandoli con la fotocamera. Certo così sarebbe proprio una scopiazzata bella e buona, comunque staremo a vedere.

  3. Pingback: 3DS e realtà aumentata: le novità dalla conferenza Nintendo | realtà aumentata | Scoop.it

  4. jonnydanny86 says:

    pokemon 3d , ok ma non inventate nuovi pokemon

  5. emmanuel98 says:

    secondo me non le faranno le carte ra di super pokemon rumble, bensì useranno quelle del pokedex 3d

  6. Andrea92 says:

    unodei titoli che attendero nel 2012^^

  7. Pingback: L’arte di Bravely Default, il nuovo gioco di ruolo di Square Enix per 3DS | Italiano MyXbox360Center

  8. Pingback: New Love Plus +: Konami annuncia tre 3DS XL in edizione speciale - 3DS Italia