*/ ?> Hands-on: Xenoblade Chronicles [Pagina 2] - Wii Italia
Ci siamo trasferiti qui!

Hands-on: Xenoblade Chronicles

CC PRO, a me!

Un altro aspetto che abbiamo testato in fase di analisi è quello del versante di gioco vero e proprio. Armati del nostro bel Classic Controller Pro (purtroppo nero, e non lo sfavillante rosso che avremo modo di vedere soltanto comprando il bundle in uscita ad agosto) ci siamo infatti lanciati subito in azione. Il CC Pro pare la scelta migliore in questo caso, non tanto per la complessità degli input richiesti, quanto per la gestione della telecamera, in questo caso assegnata al secondo analogico. Una scelta apprezzabile, data la vastità degli ambienti. Sia in fase di combattimento, infatti, che di esplorazione sarà necessario o gradito spostare la visuale in lungo e in largo in completa armonia e senza problematiche di sorta, in modo da orientarci nei complessi campi di battaglia o di poter apprezzare gli splendidi scorci visivi dell’opera.

xenoblade-wii_026

Se nelle fasi di spostamento il gioco appare abbastanza scontato in termini di comandi e struttura, più interessante pare l’analisi del sistema di combattimento. Come primo elemento, dobbiamo sottolineare come il tutto sia riassumibile in un battle system strategico in tempo reale, privo della divisione statica a turni e della immediatezza di un hack&slash. Una volta entrati infatti in un’area di lotta (che si traduce in alcuni casi in veri e propri campi di guerra, con svariati nemici in grado di attaccarci, o numerosi bersagli da abbattere) potremo scegliere diverse azioni tramite la croce direzionale, mentre l’analogico sarà sempre adibito al movimento del personaggio (e del suo party, che ci segue automaticamente a poca distanza). Tra le varie azioni (presumibilmente in crescita con il progredire della trama) abbiamo avuto la possibilità di vedere gli attacchi fisici, le magie di sostegno al party, le magie di cura e le tattiche di miglioramento danno (una sorta di attacco speciale, diciamo così). Selezionata l’azione, i nostri personaggi (sia il protagonista che il party) la eseguiranno automaticamente una volta entrati nel raggio d’azione della stessa. Questo vale per tutte le azioni, salvo che per il movimento del personaggio rispetto ai mostri e ai nostri compagni: uno dei nostri obiettivi, infatti, sarà quello di gestire la nostra posizione rispetto a quella degli altri partecipanti alla lotta, per posizionarci in modo da formare determinate figure tattiche (come una linea retta che unisca noi e un nostro partner con al centro l’avversario ponendoci alle spalle del mostro mentre il nostro amico gli è davanti) che portino alla realizzazione di attacchi più potenti.xenoblade-wii_041xenoblade-wii_042

Giudicando dalle poche battaglie sostenute, il risultato di questa particolare scelta è un mix di tradizione e freschezza, capace di unire l’elemento gestionale e decisionale di un più tipico jRpg a turni statici al dinamismo e all’azione di un action game. Forse senza eccellere né in un aspetto né nell’altro, ma presentando qualcosa di almeno parzialmente nuovo e accattivante.

Conclusione

Tirando le somme, il titolo pare promettere ore e ore di appaganti avventure. Il presupposti narrativi sembrano poter reggere un bel racconto, le ambientazioni sono meravigliosamente studiate e ampiamente esplorabili, il sistema di combattimento è fresco e dinamico senza scadere nel banale, e se il titolo offrirà abbastanza soddisfazione da poter passare sopra ad alcuni piccoli difetti ci troveremo davanti a un ottimo titolo capace di accompagnarci lungo un percorso troppo poco battuto fino ad ora da Nintendo su Wii.


Potrebbe interessarti anche...