*/ ?> Recensione di chick chick BOOM (WiiWare) - Wii Italia
Ci siamo trasferiti qui!

chick chick BOOM: la recensione

Pulcini in fuga

Tons of bits e Nintendo portano su Wiiware un titolo che, nel 2007, si è ritagliato una certa quantità di fan e che proprio sul browser Wii aveva trovato il suo habitat naturale.

Vien da se che una conversione per il canale digital delivery della grande N era il passo successivo per il titolo tons of bits, anche se un po’ fuori stagione, visto che in origine, nella sua versione Flash, era stato sviluppato come un progetto per celebrare niente poco di meno che la Pasqua.
Il tema rimane però intatto: due fazioni di pulcini si danno battaglia in piccole arene in una specie di versione ridotta del grande classico Worms.

Chi di penna ferisce…

Una volta avviato il gioco, potremo buttarci subito nella mischia oppure, scelta consigliata, seguire un accurato tutorial. Qui verranno illustrate le meccaniche di base del gameplay, che facendo uso unicamente del Wiimote, assume fondamentalmente la forma di una lotta a turni in cui i comandi di ogni squadra vengono impartiti unendo dei puntini con il puntatore del telecomando.
Si tratta di una meccanica semplice ed immediata, che guadagna profondità grazie ad una varietà sufficiente di situazioni e mosse.

Un piccolo timer assegnerà il ruolo attivo ad una delle due squadre, che a questo punto potrà eseguire una delle tre mosse fondamentali di attacco: lanciare una bomba, far cadere un gigantesco peso sulla testa degli avversari o causare la crescita di una pianta carnivora.

Una volta selezionata la modalità d’attacco, dovremo velocemente disegnare una forma nella parte bassa dello schermo. In base alla nostra velocità a precisione, non solo aumenteremo la potenza dell’attacco, ma avremo la possibilità di ottenere uno o due livelli di power up in grado di trasformare completamente la nostra arma: ad esempio la bomba può mutare in un esplosivo acido capace di lasciare una piccola pozza sull’arena avversaria, oppure in una carica che esplodendo si moltiplica e causa danni devastanti.

chick-chick-boom_007chick-chick-boom_001

Per attivare un power up è  necessario unire con velocità e precisioni i punti che compongono il disegno dell’attacco, dopodichè occorre colpire con il tasto B un bersaglio volante.
Con tutti questi elementi in movimento da controllare, il gioco scorre praticamente in tempo reale, specialmente se si considera che nel turno avversario potremo disturbare il nemico disegnando vari ostacoli nella sua area.

È infatti possibile proteggersi da ogni attacco tracciando linee di vario genere. Un’asta costringerà ad esempio la pianta carnivora ad arrampicarsi, portandosi fuori dal raggio dei nostri pulcini. Ma al tempo stesso per disturbare un avversario, basterà creare un piccolo tetto sul capo del vegetale per evitare che salga eccessivamente di quota.

Anche le arene sono parzialmente interattive: le tre a disposizione dispongono di un attacco speciale diverso per ognuna. Questi attacchi speciali sono condivisi dal giocatore, quindi chi prima arriva, meglio alloggia.

Sullo sfondo invece, talvolta compaiono una pignatta e o una specie di pannocchia antropomorfa, che se colpiti forniscono power up a entrambi i giocatori: guarigione, protezione dagli attacchi e effetti di distorsione sui simboli da disegnare sono il pepe che rende il gameplay ancora più appetitoso.

La lotta richiede una grande tempismo e senso strategico, e se all’inizio del tutorial il gioco sembra ripetitivo, una volta apprese tutte le varie tecniche, e in particolare se si dispone di uno  più amici, chick chick BOOM riesce a regalare momenti di grande divertimento.
Bisogna però ammettere che con soltanto tre arene e tre armi a disposizione il gameplay rischia di diventare un esercizio monotono e si viene sopraffatti dalla noia troppo presto.

Flash su Wii

Rispetto alla controparte in Flash, la versione Wii di chick chick BOOM sfoggia uno stile grafico di buona fattura, con un design ispirato e personaggi carini e colorati (e vari, considerata la mole di skin sbloccabili). Menu e fondali sono un pò minimali e neutri a causa dell’uso eccessivo del bianco, ma comunque funzionali.

chick-chick-boom_005

Forse il comparto cosmetico avrebbe tratto vantaggio da un uso più aggressivo dei colori e da un maggior quantitativo di dettaglio: la stanchezza e la ripetitività del gameplay avrebbero potuto giovare di qualche trucco estetico in più. Stesso difetto per il comparto sonoro, composto da effetti e musiche un pò troppo generiche.

Commento Finale

Forse il prezzo di 800 punti è un pò altino in virtù del contenuto, e sorpatutto del retaggio da flash game, eppure chick chick BOOM è un titolo veloce e divertente.
Dategli una chance se siete in cerca di qualcosa di nuovo con cui passare le serate con gli amici!

6.5

Potrebbe interessarti anche...