Gaming From Outer Space: la line-up dei sogni

In concomitanza con l’apertura ufficiale delle porte dell’E3 2010, debutta oggi Gaming From Outer Space, una nuova rubrica che getta uno sguardo critico, personale e assolutamente di pancia sul mondo dei videogiochi a 360°. Questo spazio vuole offrire degli spunti di riflessione e di confronto su svariati argomenti, con il gaming come unico filo conduttore di fondo. Tutto questo, naturalmente, senza prendersi troppo sul serio.

Gaming From Outer Space: la line-up dei sogni

Inauguriamo la prima edizione della rubrica con una sorta di line-up dei sogni, ovvero una lista di tutti quei giochi che vorremmo Nintendo mostrasse questa sera. Chicche per gli appassionati e vecchie glorie incluse.

Se non vivete su Marte e seguite anche solo alla lontana i “giochini elettronici” molto probabilmente saprete già che in questi giorni in quel di Los Angeles sta andando in scena l’appuntamento più importante dell’anno per l’industria videoludica. L’Electronic Entertainment Expo, E3 per gli amici, è l’occasione in cui i tre produttori delle console più diffuse, vale a dire Nintendo, Sony e Microsoft, e tutte le varie software house presentano al pubblico le novità più importanti per quanto riguarda i videogiochi.
Per le aziende coinvolte è l’occasione perfetta per mostrare in mondovisione (beh, quasi) i propri prodotti, mentre per chi assiste ai vari show e per coloro che seguono l’evento in rete c’è la possibilità di vedere per la prima volta i giochi di domani.

Le due presentazioni di Microsoft, una interamente dedicata all’ex Project Natal ed una dove sono stati mostrati titoli dal calibro di Black Ops, Metal Gear Rising, Halo Reach, Gears of War 3 e Fable 3, si sono già svolte, mentre nella giornata di oggi toccherà a Nintendo (alle 18:00 ora italiana) e Sony (alle 20:30 ora italiana) svelare le proprie carte migliori.
In questa sede andiamo a comporre un’immaginaria (e purtroppo irrealizzabile) lista dei titoli che Nintendo dovrebbe mostrare durante la sua conferenza per mandare in delirio tutti i suoi numerosissimi fan. Per una volta ci comportiamo dunque da appassionati, in barba alle previsioni sensate, alle indiscrezioni trapelate e alle logiche di mercato.