Nintendo chiede ai suoi utenti di giocare

Questa mattina gli iscritti alla mailing list di Nintendo hanno ricevuto un messaggio dal titolo “Wii, se ce l’hai e non ci giochi, che divertimento c’è?” con in allegato un link alla sezione games del sito italiano. Fin qui nulla di strano, se non fosse che qualche giorno fa Liliegrin – ex amministratore delegato di EA DICE – ha dichiarato che “chi possiede Nintendo Wii semplicemente non ci gioca”.

mailing

La mail odierna di Nintendo sembra rispondere con un “apriti cielo!” alla questione, ammettendo in modo sottile che – effettivamente – qualche problemino c’è. Ma qual è la situazione reale? In primo luogo snoccioliamo qualche dato tratto dal sito VGChartz. Il sito in questione effettua stime piuttosto grossolane nel breve periodo, ma è sufficientemente affidabile nel lungo periodo grazie all’adeguamento dei dati con le stime certificate. Questo ci consente di realizzare l’analisi che segue.

Nintendo Wii, si sa, detiene il primato di vendite hardware. Con 68,1 milioni di console detiene poco meno del 50% del mercato. Ovvero, un videogiocatore su due possiede una console Nintendo Wii. Xbox 360 e Playstation 3 hanno venduto rispettivamente 38,28 milioni di console e 32,51 milioni, costituendo insieme la restante metà del mercato.

Riguardo ai software, Nintendo Wii come prevedibile detiene il primato con 464,28 milioni di giochi venduti. Xbox 360 segue a 348,75 milioni e PS3 è il fanalino di coda con 217 milioni di giochi. Parliamo di giochi retail, escludendo dunque tutti i giochi ottenuti in digital delivering.

Combinando i dati di hardware e software si può ottenere il tasso di penetrazione del videogame nelle case dei possessori di ogni console, ovverosia “quanti giochi mediamente possiede il possessore di ogni singola console”. Gli utenti di Nintendo Wii possiedono mediamente 6,8 giochi a testa. Per ogni Playstation 3 si vendono invece 6,7 giochi. Xbox 360, infine, raggiunge la cifra di 9,1 giochi per ogni console venduta. A una prima analisi, dunque, Nintendo Wii presenta un tasso di penetrazione dei giochi nettamente inferiore a Xbox 360 ma leggermente superiore a Playstation 3. Xbox 360, ricordiamo, è sul mercato da 5 anni mentre Playstation 3 e Wii da 4. Conseguentemente il primo posto di Microsoft è scontato, sebbene nettamente più alto delle aspettative (35% in più di giochi venduti a fronte di un 25% in più di permanenza nei negozi).

Dobbiamo però considerare che circa 60,2 milioni di giochi venduti per Nintendo Wii, pari a circa il 13% del totale, sono copie di Wii Sports, titolo che nei paesi occidentali è in bundle con la console. In Giappone, dove Wii Sports non è in bundle, il titolo ha venduto appena 3,7 milioni di pezzi. Ciò significa che 56,5 milioni di Wii Sports non sono stati direttamente acquistati dal giocatore ma sono entrati nei salotti insieme alla console. Proviamo, pertanto, ad escludere il gioco in bundle con Nintendo Wii e a ricalcolare il tasso di penetrazione: il numero si riduce così a 6 giochi per console. Pur tenendo in considerazione che anche le console concorrenti di Nintendo Wii commercializzano svariati bundle di cui è molto più difficile tenere traccia, è verosimile pensare che Nintendo sia – effettivamente – la console con il rapporto console/giochi più basso. Certamente dobbiamo anche considerare il fattore pirateria che incide in maniera pesante su Nintendo Wii, bassa su Xbox 360 e pressoché nulla su PS3. In ogni caso i dati non sono così drammatici e delineano un quadro certamente meno apocalittico di quello descritto da Liliegrin.

Chi possiede Nintendo Wii, insomma, ha una propensione all’acquisto di nuovi giochi del tutto paragonabile a quella dei possessori “hardcore” di Playstation 3 e, tenendo conto del vantaggio sul mercato, di poco inferiore a quella dei possessori di Xbox 360. Resta effettivamente da capire se questi giochi acquistati siano poi effettivamente giocati. In questo caso Liliegrin potrebbe avere ragione, ma la questione è irrilevante: chi produce e commercializza giochi non ha interesse nel vedere “giocati” i propri prodotti, l’importante – ahinoi – è che vendano milioni di copie.

This entry was posted in Articoli. Bookmark the permalink.

33 Responses to Nintendo chiede ai suoi utenti di giocare

  1. lukeo says:

    oltre al fatto che la maggior parte si "pente" (rimane delusa) dalla wii secondo me non essendoci per wii molti giochi single player di avventure o/e rpg i giochi si giocano all'infinito, mentre per un fallaut 3 su console, una volta finito vuoi prendere subito un' altro gioco e ricomincia così…

  2. AlbertW says:

    Oh no! Ci risiamo….

  3. IKEvsKIRBY says:

    ma fanno l'elemosina?

  4. maum says:

    Oltre al fatto che non sono pentito di avere la Wii…
    …con tutta la pirateria che c'è intorno alla Wii pensavo peggio…

  5. rissomarco says:

    Trovo che l'e-mail sia patetica….parere mio eh….

  6. Nev3r says:

    ma ke dia….???? o ma potremmo farci quel diavolo che vogliamo noi con le NOSTER CONSOLLE (avevo detto cosi' anche al post su Lille…quel tizio la insomma,chi lo conosce poi XD) ma scusate la parola ma che gliene importa se giochiamo o meno??? c'e' gente che ha vite sociali eh non possiamo mica giocare 24 ore su 24 al wii XDDD e poi a loro cosa dovrebbe importare??? i giochi li fanno per i soldi e per venderli….sta storia del "vederli giocati" non e' che io la capisca tanto….

  7. Mianso1 says:

    quando non faccio i compiti e non sono su wiitalia gioco con la wii……

  8. Bellissima e chiarissima analisi della situazione! La mia idea è che la pirateria su Wii abbassi la media dei giochi acquistati di parecchio. Parlo per esperienza personale, tra le persone che conosco fisicamente abbiamo un Wii in 5 e in totale abbiamo circa 30 giochi comprati (escluso Wiisports)… e sono tutti miei!!
    2 di queste persone i giochi se li scaricano aggratis, 1 li chiede in prestito a me e l'ultimo è il classico esempio che ha preso il Wii e non lo usa.

  9. Alessandro Costantin says:

    Nev3r, cosa gli importa se giochiamo o meno? Semplice: se giochiamo di più compriamo più giochi, non è che ci voglia tanto per capirlo eh…

  10. junior86 says:

    quoto Nev3r alla grande!

  11. benze says:

    io ho sia la PS3 che la Wii…devo dire che la Wii è stata presa originariamente per mia moglie, ma la considero una valida alternativa alla PS3….onestamente gioco molto di più al monolite nero di casa SONY, ma non disdegno quando il tempo me lo permette di buttarmi un'oretta o due sulla console della grande N!!
    Che dire…..o di quà o di là sempre in piedi si casca!!!!

  12. Nev3r says:

    Psy, se giochiamo di piu' compriamo piu' giochi???? che senso ha la frase??? O.o

    cmq sia con quello che ho detto "cosa gli importa se giochiamo o meno?" intendevo con i giochi che abbiamo gia' comprato!
    loro si devono preoccupare se li compriamo o meno non se li giochiamo…non ha senso XD

    colpa mia che non mi sono spiegato.soz

  13. FaxVakWii says:

    quoto risso per quanto riguarda la ridicolaggine della mail, mentre per l'analisi del gioco lore si è dimostrato ancora una volta un malcelato Wiislamico…… :lol:
    cmq condivido che i giocatori di Wii giochino quanto gli altri ai videogiochi, o poco meno, ma che, vista la sterminata quantità di Wii in giro ci siano tranquillamente le condizioni per vendere milioni di copie di qualsiasi gioco, volendo…… Nintendo docet!

  14. nano64bitgen says:

    nev3r è un circolo vizioso… se compri il wii per moda e non compri i giochi le sh non investono…se non escono buoni giochi anche chi ha comprato il wii non per moda non ci gioca…stà di fatto che io sono uno di quelli che gioca poco anche se qualche titolo l ho preso…ma opreferisco l usato che per loro è come se non comprassi ;)
    cmq è una cosa squallida e in parte avvolora le tesi di tanti rompiballe che bazzicano wiitalia ….. :asd:

  15. galilee says:

    Un semplice spot pubblicitario, non ci vedo nulla di male.
    Lo hanno fatto tutti eh…

  16. wiiniano1 says:

    Io sono iscritto alla mailing list ma non ho ricevuto assolutamente niente…

  17. Luka92 says:

    ahahah nintendo ha ragione, cmq non é il mio caso

  18. Kerbs says:

    Facciamo così, cara Nintendo, ora mandi un tuo impiegato a casa mia e lo fai studiare per l'esame di stato al posto mio. Vedrai che torno subito a giocare!!!! XD

  19. wiiniano1 says:

    Sono cose ridicole, e noi stiamo anche a discutere… Io ho giochi Wii e ci gioco quando posso, allora a questo punto dovrebbero valutare il grado di penetrazione in base alle età dei giocatori… Chi ha famiglia non può stare attaccato dalla mattina alla sera… Ci giocano anche donne che sono mogli e madri e che usano la balance board per fitness e quindi cosa pretendono che giochino tra una pannolino e l'altro o mentre fanno la minestra? E' tutto relativo sono tutte indagini statistiche con troppe variabili…

  20. un po' ridicola come cosa… se vogliono vendere di più basterebbe che producessero dei grandi giochi e vedi come li compra la gente. comunque non credo che la gente si penta del wii, io ho una X360 e il wii, ogni tanto gioco a una ogni tanto all'altra. non sono per nulla pentito!

  21. FaxVakWii says:

    @wiiniano: hai ragionissima, ma quello che non va giù alle terze parte (e per cui Nintendo prova a "richiamare all'ordine" i suoi giocatori) è proprio che (secondo loro) ci giocano troppe casalinghe con poco tempo e poca cultura videoludica, mentre i cosiddetti giocatori "hardcore" sono pochi.
    Che poi questa valutazione sia opinabile è vero, come anche è (molto) opinabile che i giochi hc non vendano, ma molti sviluppatori la pensano così, motivo per cui su Wii non sviluppano, ma è un circolo vizioso, perché se non sviluppi giochi seri è impossibile attirare giocatori hc….. :roll:

  22. Marco "Portnoy1 says:

    Quei numeri non indicano quanto gli utenti giocano ma bensì quanto questi comprano giochi dal punto di vista delle software house.
    Tutti quei numeri non tengono conto ne della pirateria ne del mercato dell'usato (che non genera introiti alle software house) e non hanno motivo di farlo in quanto sono indicatori utili solo alle software house per stimare il mercato. Non è propriamente corretto dire che "Gli utenti di Nintendo Wii possiedono mediamente 6,8 giochi a testa" è più corretto dire "Gli utenti di Nintendo Wii comprano nel mercato del nuovo mediamente 6,8 giochi a testa"…. poi possono avere anche altri 30 giochi comprati usati ma l'indicatore rimane sempre 6.8 perché da quei 30 giochi usati la software house non ha preso un centesimo (o meglio, ha preso i soldi quando il gioco è stato acquistato dal primo proprietario).

  23. Portnoy capisco il tuo ragionamento ma la critica che mi fai è scorretta. E' giusto dire che i possessori di Nintendo Wii acquistano dal nuovo 6,8 giochi a testa, ma è anche giusto dire che ne possiedono 6,8 a testa. Il mercato dell'usato si basa su giochi che sono stati venduti come nuovo. Se uno vende 10 giochi a un amico questa persona si trova con 10 giochi in meno e l'amico con 10 giochi in più, ma la media del venduto per quelle due persone è sempre di 5 giochi a testa. Non credo che chi vende usato sia in grado di moltiplicare i giochi come Gesù faceva con i pani. Beh, forse a Napoli… :D

  24. Marco "Portnoy1 says:

    @Lore.ska: Rileggendo la frase ammetto d'essermi spiegato male; il mio ragionamento non era una critica al tuo articolo ma una critica a chi fa l'uguaglianza "propensione al gioco = propensione all'acquisto".
    Ti faccio un esempio: se io ho 4 giochi e tu ne hai 2 per la software house l'utente wii compra mediamente 3 giochi, è corretto dire che mediamente la propensione di gioco media dell'utente wii è di 3 giochi? no, quella è la propensione all'acquisto di giochi nuovi ma io potrei benissimo averti venduto (dopo averli finiti) i miei 4 giochi e tu aver venduto a me i tuoi 2; risulta ugualmente che gli utenti possiedono mediamente 3 giochi a testa ma di fatto sia io che tu ne abbiamo finito/posseduto 6.

  25. Marco "Portnoy1 says:

    Ho trovato il modo giusto per esprime il concetto che volevo:
    quei numeri ci indicano la propensione media d'acquisto sul mercato del nuovo (dato utile alle software house per stimare il mercato in quanto solo il mercato del nuovo genera profitti nelle loro tasche) degli utenti wii tuttavia da questi non si può tirare alcuna considerazione ne per quel che riguarda la propensione media al gioco dell'utente wii (data dai giochi che possiedo + quelli che ho posseduto, ovvero quelli che ho giocato e non è detto che li abbia comprati tutti sul mercato del nuovo… o che li abbia comprati) ne per quel che riguarda la propensione media d'acquisto reale dell'utente wii (data dai giochi comprati nel mercato del nuovo più i giochi comprati nel mercato dell'usato).

  26. Ok è chiaro! Ma è quello che dico nell'articolo, cioè che non si può calcolare "quanto la gente giochi" da questi dati. Ma almeno ci dà un quadro generale della questione. Alla fine il mercato dell'usato coinvolge trasversalmente tutte le console.

  27. soapcod41 says:

    A me non è arrivata 0_o

  28. dieghito79 says:

    Secondo me dovrebbero concentrarsi anche su giochi più commerciali, tipo GTA o THE SIMS, personamente li prenderei subito. Un'altra moda è quella dell'hd anche se non è il loro obiettivo.

  29. tankboy-san says:

    Secondo me bisogna tenere in considerazione anche un'altra cosa, e vale a dire il target.
    Nintendo con Wii ha puntato non solo su giovani e un po' meno giovani, ma sulle famiglie.
    Ora, mi pare evidente che in questo caso [e non solo, ci sono fior di giocatori "puri" che lavorano e hanno famiglia ma credo che in questo caso la questione sia differente] sono interessate anche persone che hanno un lavoro, una casa da mandare avanti, magari figli e cose che normalmente fanno le famiglie.
    Il tempo libero per giocare diventa più limitato, e, di conseguenza, il numero di acquisti pro capite cala.

  30. The Sims c'è su Wii, ed è un gioco senza infamia e senza lode. Purtroppo è un gioco per PC, sulle console ha sempre fatto pena. GTA l'hanno fatto su DS e ha venduto poco (nonostante le buone critiche). Purtroppo quelli sono giochi a cui serve una grafica pompata. Magari affidassero GTA a Vandenberghe… le sue risate sataniche quando ammazza i nemici in Red Steel 2 me le sogno di notte.

  31. StevePlayer says:

    logicamente più giochi interessanti escono per una console più si gioca con essa.. le uscite per la wii da inizio anno mi sembrano scarse e di poca qualità (come dall uscita di essa comunque qui fanboy o meno bisogna essere sinceri che i titoli di qualità sono pochi e di media uno due all anno)… per i multi come me cavoli ragazzi l inizio anno per le altre console e stato esplosivo!!! ovvio che la wii è li a prendere polvere!!! quindi nintendo fai uscire dei titoloni e delle esclusive pure te e vedrai che non poveri giocatori forse la terremo piu in considerazione

  32. iena76 says:

    Amici,

    ritengo che la sproporzione esistente, relativamrnte al Nintendo WII, fra numero di console vendute e vendita di software, risieda nella qualità media gochi. Forse non ho grandi qualifiche per giudicare (non sono mai stato un Hard-gamer e possiedo solo la WII)ma mi sembra che al di là della soggettività dei gusti, i titoli per WII si dividano i GRANDI pochi capolavori (Zelda ad esempio) e in titoli davvero brutti.
    Su una console come la Playstation3 un titolo debole dal punto di vista della longevità o della trama può però contare sempre su un "impatto visivo" sempre molto accattivamte… Prendete Dante's Inferno… Un titolo molto discusso che è andato a ruba ma… quanto a sostanza?? Graficamente è una figata ma il tutto si riduce ad prendo le armi e picchio il cattivo sempre più grosso… eppure ha spopolato. Questo il mio commento alle vendite, quanto al fatto che il Nintendo WII venga poco "giocato" dagli utenti… Non credo sia facile raccogliere dati oggettivi ma se si pensa al target degli utenti si può sospettare che forse le cose stanno come si diceva nell'articolo: se WII è unche una console per casalinghe…Scusate ma io proprio non ce la vedo mia madre passare la notte insonne davanti allo schermo.. :-)

  33. StevePlayer says:

    iena ti quoto su tutto è quello che volevo dire io… tutto si riconduce al solito discorso: ESCONO POCHISSIMI GIOCHI DI QUALITA'.. il discorso di dante's è vero però fa parte del genere action… vai avanti e ammazza..!!! per dante's io non l ho preso per il comparto tecnico seppur è di tutto rispetto (attendendo gow3) ma più per curiosità su come hanno applicato una commedia di tale spessore a un videogioco e tutto sommato mi è piaciuto un sacco, ma questo è un discorso a parte piccolo ot. poi le controparti ora sono piu agguerite che mai cavoli stanno sfornando giochi pazzeschi negli ultimi sei mesi e si prospetta una 2010 da paura