*/ ?> Hands-on: Red Steel 2 - Wii Italia
Ci siamo trasferiti qui!

Hands-on: Red Steel 2

Dopo aver stupito un po’ tutti in occasione dell’E3 2009, Red Steel 2 si è rivelato uno dei titoli più interessanti di questa Gamescom, almeno per quanto riguarda il panorama Wii.

Ad accompagnarci nella nostra prova presso lo stand Ubisoft un carismatico Jason Vandeberghe, Creative Director del titolo, che ci illustra le nuove caratteristiche introdotte in questa nuova build: rispetto a quanto mostrato nello show-floor dell’E3, il gioco presenta un nuovo livello in cui il nostro misterioso alter-ego si trova a dover raggiungere una complesso edilizio inghiottito in un canyon. Tra il nostro eroe e la struttura troviamo un grande dirupo il cui ponte è stato fatto saltare precedentemente in aria, come mostrato dalla cut scene in computer grafica che precede l’azione.

Red Steel 2 - Ninja ArtworkOltre alla differente ambientazione, la nuova build presenta diverse novità relative alle dinamiche di gioco focalizzate soprattutto sull’utilizzo della katana: oltre ai fendenti è ora possibile effettuare degli affondi, la caratteristica in assoluto più richiesta dai giocatori dopo la prova dell’E3 2009. Sono stati inoltre introdotte alcune mosse speciali: lasciando premuto il pulsante Z del Nunchuck e eseguendo un fendente con il Wiimote il nostro pistolero si lancerà in una folle piroetta in grado di colpire i nemici che gli si parano intorno. Premendo contemporaneamente i pulsanti A e B, invece, potremo caricare un potentissimo colpo di spada in grado di scagliare lontano i nostri avversari per poterli poi colpire, ad esempio, con un’arma da fuoco mentre volteggiano in aria grazie ad un effetto slow-motion che rallenta l’azione.

Le novità non finiscono qui: fanno il loro esordio in questa demo i ninja, due nuovi nemici molto più temibili e duri da abbattere rispetto ai brutti ceffi incontrati fin’ora. Il primo ninja che incontriamo è armato di due katana e, oltre ad essere in grado di evitare i nostri colpi da arma da fuoco, grazie alla sua velocità riesce a schivare la maggiorparte dei nostri fendenti e ad abbattere la nostra posizione difensiva. Lo stesso discorso vale per il secondo Ninja che, a differenza del primo, è munito di un’arma da fuoco e di una sola katana. Per sconfiggerli occorre bilanciare una certa dose di tempismo alle nostre abilità, come ad esempio il colpo caricato.

Messa da parte l’arma bianca incontriamo una nuova arma da fuoco: il fucile a canne mozze. Come da tradizione l’arma si rivela tanto efficace negli scontri ravvicinati quanto inutile in quelli a lungo raggio. Le armi da fuoco risultano tuttavia inadatte contro alcuni tipi di nemico, ad esempio quelli muniti di un’armatura, per i quali è necessario impugnare la nobile arma giapponese che potrà essere sguainata in qualsiasi momento agitando il Wiimote. Per non perdere la mira basterà premere il pulsante Z del Nunchuck per bloccare la visuale su di un nemico e potergli girare intorno.

red-steel-2-2-wii_003

Sotto il punto di vista tecnico Red Steel 2 è semplicemente sorprendente: lo stile grafico in cel-shading è decisamente azzeccato e tanto il level-design quanto la caratterizzazione dei personaggi a schermo ci è parso di ottima fattura. Il tutto gira a 60 fotogrammi per secondo fissi e l’azione di gioco è di conseguenza in ogni momento fluida e appagante sia a livello visivo che di gameplay.

Analogamente ad altri titoli appartenenti allo stesso genere, come il recente The Conduit e Medal of Honor: Heroes 2, il sistema di controllo è ora completamente personalizzabile persino per quanto riguarda la sensibilità del Wii MotionPlus.

Concludendo possiamo dire che Red Steel 2 ci ha impressionato in ogni suo aspetto. Sembra proprio che gli sviluppatori abbiano deciso di fare tesoro delle critiche e dei suggerimenti del pubblico: oltre ad aver introdotto il colpo dell’affondo, infatti, il team di sviluppo starebbe lavorando ad una soluzione migliore per la rappresentazione della morte dei nemici, fin’ora limitata ad un semplice blink del nemico sconfitto seguito dalla sua scomparsa. Dettagli come questi hanno spinto gli sviluppatori a posticipare la data d’uscita al 2010 per poter offrire ai giocatori il miglior prodotto possibile.


Potrebbe interessarti anche...