Hands-on: Academy of Champions

Tutti da bambini abbiamo sognato di essere dei grandi campioni dello sport. In Italia, in particolare, molti di noi sognavano di giocare a calcio in serie A e di correre fianco a fianco con i propri beniamini. Ubisoft con Academy of Champions sembra fare leva su questo semplice sogno infantile, dedicando al pubblico teen un gioco che unisce sport, divertimento e un campione del calibro di Pelé in quella che potremmo definire l’accademia dei nostri sogni.

Academy of Champions per Nintendo Wii

Come suggerisce il titolo, Academy of Champions è ambientato in una rinomata scuola di calcio che ha come preside il più grande giocatore brasiliano di tutti i tempi, il quale veste il ruolo di mentore in un’avventura che porterà il nostro alter ego a diventare un vero campione.

Il primo fulcro di questo titolo, infatti, è una curiosa modalità storia: per la prima volta in un gioco calcistico il giocatore segue un vero e proprio cammino di crescita incontrandosi e scontrandosi con un elevato numero di amici e avversari per la durata di svariati semestri o, se vogliamo, per oltre 20 ore di gioco. Procedendo, si possono incontrare svariati personaggi del mondo Ubisoft, tra i quali abbiamo riconosciuto Altair, Sam Fisher, i Rabbids, Prince of Persia e Jade di Beyond Good & Evil. Si evince pertanto il tentativo di Ubisoft di rafforzare il suo franchise: analogamente allo Smash Bros. di Nintendo e ai crossover di Sega, l’azienda francese porta in un unico videogame i suoi personaggi più importanti, dalla sua mascotte Rayman fino alle ultime creazioni. Sempre nella modalità storia il giocatore, oltre alle normali partite di calcio, è chiamato a prendere parte a 15 minigame che consentono di guadagnare esperienza e denaro necessari per migliorare le proprie skills e acquistare oggetti utili a potenziare la propria squadra.

Commenti Sottoscrivi i commenti
  1. Rispondi

    strano che manchi l'on-line(anche se il gioco non mi interesserebbe comunque)
    p.s. nella prima pagina c'è scritto sam fischer :D


  2. Rispondi

    mostruoso veramente… veramente pessimo come titolo.
    ovviamente è un mio semplice parere personale però diamine i PG sono mostruosi veramente BRRR


  3. Rispondi

    Devo essere sincero, a noi (e con "noi" intendo il sottoscritto, Alessandro e Lorenzo) ha fatto un'ottima impressione. E' ovvio che non si tratti di un gioco particolarmente ambizioso, ma nel suo piccolo è divertente ed originale, soprattutto per quanto riguarda la modalità storyline.


  4. Rispondi

    Quoto Matioski
    Ho appena visto il video del Gameplay da poco nella home e, seppur non sia un capolavoro, sembra molti simpatico(bellissimi i Rabbids contro Altair/Sam Fisher)


  5. Rispondi

    Molto bello


  6. Rispondi

    che non sia un capolavoro non credo sia in dubbio, ma a me il genere non piace per quanto divertente possa essere (o almeno Mario Strikers mi ha fatto veramente schifo), però sarebbe bello poter giocare una partita Rayman vs. Rabbids, e anche la storia non sembra male.
    ottimo titolo da prendere usato o da farsi regalare, direi….


Lascia un commento

Devi effettuare l'accesso per lasciare un commento.


Potrebbe interessarti anche...

Ultime dal forum